Adriano Basile
  Approfondimenti     
«
 
Eventi
<
Agosto
>
L M M G V S D
-- 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 3
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
Antimafiaduemila (2813)
La mia libreria (1825)
Unita' (1793)
Situazione Traffico (1666)
Repubblica (1658)
STMicroelectronics (1643)
PhD Ingegneria di Catania (1637)
Corriere della Sera (1622)
Unict (1577)
NoiseFromAmerika (1435)
Ilsole24ore (1278)
New Blog (1271)
New Blog (1152)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Dossier Spazzatura
Inserito il 04 aprile 2008 alle 08:29:43 da admin.

1 - Una Realtà Incomprensibile dall'Esterno

1 - Una Realtà Incomprensibile dall'Esterno

Viviamo in Campania, nella città di Napoli: alcuni di noi nel quartiere di Gianturco o, comunque, nella zona orientale della città, altri nel quartiere di Soccavo, nelle vicinanze di Pianura - dunque in alcuni dei tanti luoghi individuati come depositi di stoccaggio dall'ultimo dei tanti Commissari Straordinari con poteri in deroga alle leggi vigenti che la regione Campania ha avuto per la "soluzione" della cronica emergenza rifiuti. Questi sono grosso modo a poche centinaia di metri dalle nostre case, quindi ci troviamo talvolta direttamente nell'occhio del ciclone.
Nei mesi ed anni passati abbiamo seguito con sempre maggiore attenzione la situazione, studiandone le dinamiche e le forze in gioco, recandoci anche in alcuni altri luoghi (Serre Persano, S. Maria La Fossa, Lo Uttaro, Pianura...) per constatare di persona la situazione e sentire direttamente le ragioni delle popolazioni in rivolta, abbiamo partecipato a manifestazioni, dibattiti e assemblee.
Ovviamente, in tutto questo tempo abbiamo anche seguito con attenzione giornali, radio e TV che descrivevano la situazione, in un processo disinformativo sempre più palese. Certo, i siti di movimento in rete fornivano informazioni migliori e sicuramente più veritiere, ma ci rendevamo sempre più conto che, invece, chi non era coinvolto direttamente e/o faceva riferimento solo ai grandi media, della questione dei rifiuti in Campania doveva avere una visione del tutto distorta delle cose.

Gli veniva descritto un popolo ignorante ed irrazionale, abbrutito nella logica del "non nel mio giardino", manovrato dalla camorra, ...
... che aveva impedito con la sua irrazionalità ogni logica soluzione del problema, ostacolando l'azione di una classe politica che, nonostante alcuni errori, mostrava di essere maggiormente illuminata e che, alla fine, era stata costretta controvoglia ad usare le maniere forti.
Un popolo che ha bisogno di "campagne d'informazione" per fare la raccolta differenziata, come se le amministrazioni le avessero organizzate da tempo e la cosa non funzionasse perché i cittadini non differenziano i propri rifiuti. E via di questo passo, in uno spettacolare processo di completa distorsione della realtà. Questo gioco dei media è stato sicuramente avvantaggiato dal fatto che la situazione campana effettiva è davvero difficilmente immaginabile da chi non vive direttamente lo stato reale delle cose.
Alcuni di noi sono appassionati di fantascienza: trent'anni fa, se l'avessimo pensata, probabilmente si sarebbero compiaciuti per la loro fantasia ed avrebbero cercato di imbastirci su un romanzo, tentando di farselo pubblicare su Urania o su Robot. Inoltre, chi non conosce a fondo i territori di cui si parla, non può rendersi conto di ciò che il sistema di potere sta davvero facendo.

Condividi articolo con:

 
  2 - Una Situazione Davvero Particolare >>

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,6831055secondi.
Versione stampabile Versione stampabile