Adriano Basile
  Approfondimenti     
«
 
Eventi
<
Giugno
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
-- -- -- -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 32
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11330)
New Blog (10702)
Antimafiaduemila (2972)
La mia libreria (2178)
Repubblica (2008)
Unita' (1966)
Situazione Traffico (1879)
PhD Ingegneria di Catania (1874)
STMicroelectronics (1864)
Corriere della Sera (1739)
Unict (1702)
NoiseFromAmerika (1576)
Ilsole24ore (1386)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Perche' si e' fatta la guerra in Iraq
Inserito il 19 novembre 2006 alle 17:42:01 da admin.

L'eredità del raìs Gli investimenti nel dopo-Saddam

<_div align="left">

da Il Sole 24 ore del 5 febbraio 2003, L'eredità del raìs Gli investimenti nel dopo-Saddam

<_div align="center">

Caccia a un tesoro che inghiottirà miliardi

BAGHDAD - Quanto? Centocinquanta, duecento? "Di più, molto di più di tutte le previsioni fatte finora". L'ex viceministro del petrolio, Taha Ahmed Moussa sorrideva e si gonfiava di orgoglio nazionale snocciolando le stime sulle riserve petrolifere dell'Irak: "Quando verranno esplorate tutte le regioni del Paese avremo più di 300 miliardi di barili". Un quarto di tutte le riserve mondiali, più o meno quelle che conta l'Arabia Saudita, la "banca centrale" del petrolio mondiale, leader dell'Opec con i suoi 8 milioni di barili al giorno.

I petrolieri fissavano Moussa compiacenti ma un po' scettici. Oggi anche il dipartimento americano dell'Energia dà ragione ai calcoli di Baghdad: l'Irak ha riserve provate per 112 miliardi di barili ma probabilmente un tesoro nascosto di altri 100-150 miliardi. Sul piano petrolifero l'Irak è il Congo del 21° secolo, una riserva finora sfruttata soltanto a metà. E come il Congo del 19° secolo, definito allora uno scandalo geologico, l'Irak è da sempre una preda ambita dalle major dell'oro nero.

"Ci sono 526 pozzi da perforare ma si è lavorato soltanto su 125: di questi 90 hanno un potenziale petrolifero, soltanto 30 sono stati in parte sviluppati ma appena 12 si possono definire in produzione - dice il geologo iracheno Muhammad al Gailani. - Può immaginare che potenziale per il futuro dell'energia: qui sotto, a 600 metri c'è il 30-40% delle riserve". Il petrolio di Baghdad è anche quello più a buon mercato. "Estrarlo costa da 70 centesimi a un dollaro al barile", dice un rapporto della compagnia nazionale irachena. Nel Caspio, nuova frontiera dell'oro nero, i costi di produzione variano dagli otto ai 12 dollari e le riserve asiatiche non sono certo così abbondanti.

"Abbiamo calcolato di produrre a 97 centesimi al barile e con queste quotazioni del greggio avremo margini di profitto sopra l'80% ", esulta John Teeling, capo di una delle poche compagnie occidentali al lavoro in Irak, la Petrel di Dublino, che ha appena ottenuto i diritti di esplorazione. Ma il rombo dei caccia americani su Bassora, nella no-fly zone, oscura i suoi sogni di gloria imprenditoriale e di guadagno.

Di chi sarà, domani, il petrolio iracheno? La parte del leone oggi la fanno i russi. I loro contratti hanno un valore, stimato, in oltre 8 miliardi di dollari, e vendono il 40% del petrolio iracheno che finisce poi sul mercato degli Stati Uniti, da qualche mese i maggiori acquirenti del greggio di Saddam.

In Irak i russi imperversano nei settori industriali più diversi: 300 società sostenute da comitati d'affari dei politici moscoviti in perenne fibrillazione. Da quando nel '96 gli iracheni hanno accettato la risoluzione "petrolio contro cibo" dell'Onu, che incassa i proventi delle esportazioni di oro nero e approva tutti i contratti di fornitura, i russi hanno venduto a Baghdad oltre 4 miliardi di dollari di merci, dall'alimentare, ai medicinali, a parti di ricambio per far marciare un’industria petrolifera decaduta per l'embargo e le guerre.

La Russia gioca qui una partita strategica. Mosca vuole diventare un attore determinante sul mercato del petrolio e anche se non riuscisse a sostituire l'Arabia Saudita come principale fornitore americano, come si ventilava in questi mesi, può ambire a diventare la pipeline più importante per l'Europa. In teoria i russi possono produrre più dei sauditi, in pratica la loro capacità è limitata dai costi di estrazione e trasporto dalla Siberia. Questa è una delle ragioni perché Mosca non vuole quotazioni del greggio troppo basse: lo sfruttamento dell'oro nero siberiano diventerebbe poco interessante. Il petrolio iracheno può assicurare a Mosca un controllo decisivo su una delle maggiori produzioni e incidere sulle quotazioni.

l'Irak custodisce anche un pezzo della grandeur petrolifera francese. La TotalFinaElf si è aggiudicata, con i russi, il più importante giacimento iracheno e forse anche i diritti per una parte di Nahr Umar. La diplomazia di Parigi ha sempre considerato l'Irak tra le priorità in Medio Oriente: Jacques Chirac è anche uno dei pochi politici occidentali ad aver ricevuto la visita di Saddam nel lontano 1979. I francesi, per rinsaldare la loro presenza. non trascurano nessun particolare: il loro Centro culturale a Baghdad conta 800 allievi, organizza conferenze e viaggi per gli studenti iracheni isolati da 12 anni di embargo.

Quale sarà lo scenario se gli americani abbattono il regime? I contratti firmati secondo le regole dettate dall'Onu forse saranno rispettati, per mantenere una facciata di legalità internazionale. Salteranno gli accordi con i quali il regime di Baghdad ha promesso alle compagnie, non solo a quelle petrolifere, generosi profitti in cambio di una percentuale da incassare fuori dalla risoluzione delle Nazioni Unite. Ma è certo che le compagnie americane del petrolio e degli altri settori industriali metteranno le mani sulle risorse energetiche e la ricostruzione irachena.

Gli americani dovranno però investire miliardi di dollari: almeno 5 per riportare a livelli accettabili la produzione, altri 40-50 per superare, entro cinque o sei anni, i sei milioni di barili. E tutto questo se durante la guerra i pozzi non saranno troppo danneggiati. Sono stime che negli Stati Uniti conoscono bene: la società di impianti petroliferi Halliburton, di cui è stato capo fino alla campagna elettorale del 2000 il vicepresidente Dick Cheney, in questi anni ha lavorato per ripristinare l'industria irachena sotto l’ombrello dell'Onu.

A Baghdad non si fanno troppe illusioni. Un esponente del regime ricorda una frase che l’ex segretario di Stato e alla Difesa James Schlesinger pronunciò nel '91 al congresso internazionale sull'energia. "E' più facile prendere a calci nel fondo schiena (kick ass nell'originale inglese) i popoli del Medio Oriente che ridurre la nostra dipendenza energetica dall'estero". La guerra del Golfo contro Saddam era finita da poco, e già ne cominciava un'altra.

ALBERTO NEGRI <_div align="center">

Interessi petroliferi stranieri in Irak

Pozzi

Riserve
[mld/barili]

Società

Valore

Majnoon

20

Totalfinaelf (Fra)

3-4 bn $

West Qurna Rus

15

Lukoil (Rus)
Tatneft (Rus)
Rosneft (Rus)
Basneft (Rus)

3,7 bn $
Zarubezhneft (Rus)

Baghdad Est

11

Tatneft (Rus)

---

Kirkuk

10

Zarubezhneft (Rus)

---

Rumaila

10

Cnpc (Cina)
Mashinoimport (Rus)

160 mln $

Nahr Umar

6

Zarubezhneft (Rus)
Totalfinaelf (Fra)

3,4 bn $
opzione

Halfaya

5

Bhp (GB)
Agip (Italia)

2 bn $

Bai Hassan

2

Zarubezhneft (Rus)

---

Buzurgan

2

In assegnazione

---

Khabbaz

2

In assegnazione

---

Nasirya

2

Eni (Italia)
Repsol (Spagna)

1,9 bn $

Khormala

2

Shell (Us)

250 mln $

Ratawi

2

Petronas (Malaysia)
CanOxy (Canada)

1,3 bn $

Abu Ghirab

1,5

Ongc (India)

---

Tuba

1

Sonatarach (Algeria)
Petramina (Indonesia)

500 mln $

Gharaf

1

Japex (Giappone)
Tpao (Turchia)

500 mln $

Suba Luhais

0,5

Slavnet (Rus)
Mashinoimport (Rus)

200-300 mln $

Fonte: Dipartimento Usa all'energia e fonti irachene
Condividi articolo con:

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 13,375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile