\\ Home Page : Articolo : Stampa
chiacchiere da bar
Di Adriano (del 01/03/2013 @ 10:35:59, in Vignetta-Blog, linkato 2302 volte)

buondi'
 continuano le chiacchiere da Bar post elettorali e, non riesco a starne fuori. Ieri l'incipit di Santoro fotografava i risultati elettorali confrontandoli con il 2008 (le ultime politiche). L'unico reale vincitore e' sicuramente Grillo ed il Movimento 5 Stelle che ha guadagnato 8 milioni e mezzo di voti partendo da zero, il PDL ha perso 6 milioni di voti e il PD circa 3 milioni.
 Al di la ' di una piccola imprecisione sul PDL che, va precisato, nel 2008 era l'unione dell'ex Forza Italia e di Alleanza Nazionale e, domenica invece avevamo Fratelli d'Italia e Futuro e Liberta' come costole del PDL 2008. Quindi i voti persi dal PDL in realta' sono meno e credo sia piu' onesto dire anche quanti voti ha recuperato Berlusconi negli ultimi due mesi.
 
 Al di la' dei numeri sicuramente il vincitore e' il Movimento cinque stelle e lo sconfitto e' Bersani ed il PD. Secondo il mio modesto parere il partito democratico ha perso il treno all'indomani delle primarie. Per arroganza Bersani ha messo da parte gli altri contendenti, dimenticando quello che accade nel paese ispiratore delle primarie: gli Stati Uniti d'America. In America, all'indomani delle primarie lo sconfitto e' automaticamente candidato alla vicepresidenza o ad un ruolo di notevole importanza nell'ambito dell'amministrazione americana. Si veda il caso di Hillary Clinton.

La scomparsa di Renzi assieme all'inserimento nelle liste di alcune "vecchie glorie" ha significato per coloro che credevano nella rottamazione un tradimento del Partito. Molti di questi si sono allontanati per votare altrove.

Inoltre, l'errore piu' grande e' stata la campagna elettorale inesistente. Lo slogan "L'Italia Giusta" e' fondamentalmente bello e profondo, ma parla alla mente degli italiani e non alla loro pancia giusto quando gli italiani hanno la pancia vuota. E gli unici che hanno colto questa esigenza son stati Grillo ma soprattutto Berlusconi. Con la crisi galoppante, con la disoccupazione ai massimi storici il salario minimo garantito, l'abolizione dell'IMU, l'abbassamento della pressione fiscale sono tutti concetti semplici che colpiscono nel segno. Mi chiedo c'era qualcuno che era impressionato dallo smacchiamento del giaguaro?

Infine, ho ascoltato con interesse il batti e ribatti di affermazioni attorno a quello che ha detto Napolitano in Germania. Mi permetto di dire che pochi hanno colto cosa il Presidente intendeva parlando di contaggio, nonparlava di contaggio economico ma politico! La Grecia si e' arrotolata in una spirale di ingovernabilita' prima ancora che economica, alle ultime elezioni e anche alle prossime i maggiori politici tornati in parlamento sono quelli di estrema sinistra e estrema destra. Questo in Italia non e' ancora accaduto!

Ciao
Adriano

PS grazie a Stefano, vi consiglio questa interessante lettura... http://www.sicilia5stelle.it/trattamento-economico/