Adriano Basile
  BENVENUTO     
«
 
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 27
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11881)
New Blog (11254)
Antimafiaduemila (3024)
La mia libreria (2239)
Repubblica (2075)
Unita' (1997)
PhD Ingegneria di Catania (1920)
Situazione Traffico (1915)
STMicroelectronics (1903)
Corriere della Sera (1764)
Unict (1720)
NoiseFromAmerika (1629)
Ilsole24ore (1403)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Adriano Basile Blog
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Adriano (del 31/01/2011 @ 08:14:08, in Vignetta-Blog, linkato 5790 volte)

Non ho un figlio di 16 anni, non per la mia eta' anagrafica, quella me lo permetterebbe ma gli studi e la vita hanno posticipato tutto. Ma se avessi un figlio di 16 anni, oggi, mi troverei in difficolta' nel spiegargli cosa gli accade attorno.

A sedici anni guardavo la maggiore eta' come un traguardo, una meta' da raggiungere, anche per votare, per esprimere la mia preferenza su una scheda elettorale. Vagavano nella mia mente da adolescente tanti pensieri ose' ma anche le prime idee politiche, stava per tramontare la cosiddetta prima repubblica. Ancora non era arrivata tangentopoli, Di Pietro non lo si conosceva ma attorno a me si parlava di insoddisfazione per la eterna presenza della Democrazia Cristiana. Era l'anno della Rete di Leoluca Orlando, dell'MSI di Fini e del PCI di Occhetto oltre che la democrazia cristiana e il PSI di Bettino Craxi.

Sicuramente errando, ma tra i miei coetanei quando si parlava di politica si catalogavano gli onorevoli in buoni e cattivi. I buoni erano tutti tranne i democristiani e i socialisti, c'era l'idea che rubavano entrambi e che non stavano facendo nulla per noi giovani. Idee fumose, sentite qua e la' e forse ripetute a pappagallo. Gli altri: comunisti e fascisti erano i buoni, o forse semplicemente i meno "sporchi" dal potere. Semplificando i concetti, comunista era un anagramma di operaio, fascista di imprenditore o libero professionista. Quindi da li', dai nostri sogni si dipanavano i nostri discorsi politici, cosa volevi fare da grande? Cosa si prospettava per te? Non sono figlio degli anni di lotta e scontri di piazza, sono arrivato dieci anni dopo il terrorismo rosso e nero. Quello era un ricordo vago. La fine degli anni ottanta e i primi anni novanta si aprivano con idee confuse, meno nette. A dirlo oggi vien da ridere, ma mio zio mi ripeteva spesso "quando avevo diciotto anni io..."

Oggi invece, ci sono solo due schieramenti monoteisti: i Berlusconiani e gli anti-Berlusconiani. Sono tramontate le idee politiche di base, sono sfumati tutti i concetti che stavano dietro ai partiti. Una volta il nome stesso del partito ne era gia' una sua sintesi. Ora il nome del partito e' uno slogan: "Forza", "Movimento", "Alleanza"...

Come al monopoli ripassando per il via, mi ripropongo la domanda: come spiegherei ad un figlio di 16 anni quel che e' la politica?

Sicuramente potrei prendere esempi dai paesi esteri: Obama, la Merkele, Sarkozy, ... Ma qui in Italia? Come spiego ad un giovane di 16 anni che il capo del governo ha l'eta' di un suo trisavolo? Come spiego che le uniche persone in parlamento con meno di trent'anni forse son li' grazie a meriti extra...? Che non si diventa ministri della repubblica per specchiata competenza e bravura.

Forse la foto migliore dell'Italia la si legge sulla stampa estera, qui sui nostri quotidiani si parla solo di mignottocrazia. Mentre in TV, qualcuno parla di questo e gli altri parlano d'altro... per distrarre gli animi.

Figlio mio, la costituzione italiana dice che "questo e' un paese fondato sul lavoro". Una costituzione che somiglia molto ad un pacco di Kleenex, i cui usi sappiamo tutti. Il lavoro e' una chimera per pochi fortunati, tuo padre e tua madre credevano nel traguardo del posto fisso. Dove fisso non voleva dire "fesso" in dialetto ma, sicuro, a tempo indeterminato e su cui contare. I tuoi genitori potevano costruire la loro vita attorno al lavoro, non sul lavoro ma confidando su di esso.

Vedi cosa sta accadendo in Tunisia e in Egitto... Non fermarti a quel che ti dice la TV (che come t'ho detto prima, si occupa della "mignottocrazia" presidenziale), vai su internet, su YouTube, sui siti di informazione internazionale come la BBC, la CNN e Al Jazeera. Leggi li' le notizie, sarai come il protagonista di "notizie dal cielo", te lo ricordi? Il telefilm in cui il protagonista ogni mattina veniva svegliato da un gatto che gli portava il quotidiano del giorno dopo. E lui si armava per evitare che quelle notizie accadessero... Beh, lo stesso accadra' a te, quelle che leggerai non saranno le notizie ed il racconto dei fatti di domani o dopodomani. Per vederli dovrai aspettare una decina d'anni, forse gia' nel 2o2o l'Italia sara' come l'Egitto. Basta un conto: il presidente egiziano Mubarak ha 82 anni, Berlusconi 74 anni.

Purtroppo figlio mio, quel che succede al Cairo sta gia' accadendo in Italia, anche qui c'e' una classe politica corrotta e di regime, una distanza abissale tra i Palazzi e la strada, uno scollamento tra il vero ed il raccontato. Quanti di quei che siedono in parlamento sanno cosa vuol dire lavorare per 500 / 600 euro al mese. Nessuno! Ma attorno a te tanti vivono con quei soldi, e sopravvivono solo perche' han genitori che li aiutano, han genitori che dan loro parte della loro pensione ai figli.

E' solo qui la differenza: noi non soffriamo "ancora" di fame. La disoccupazione e' ai massimi storici, al 21%, quella giovanile che ti riguarda e' ben piu' alta al 25%, ma non e' ancora al giro di boa. Quel giro di boa che portera' donne e uomini in piazza, sotto i palazzi dei nostri governatori a chiedere il pane. Come ho detto manca poco...

E' tutto questo e' colpa nostra, e' colpa mia, il vuoto politico creato e' nato con noi, con i tuoi genitori. Abbiamo mandato a casa Andreotti, Fanfani, Craxi (padre), Spadolini, De Michelis, Occhetto, ed altri pensando che fossero il marcio, pensando che un vento di rinnovamento non avrebbe che fatto bene al paese. Ci siamo sbagliati, e sbagliati di grosso, son qui a dire tra i denti: era meglio Andreotti, era meglio la prima repubblica ma l'abbiamo mandata in pensione... ...e ti chiedo scusa figlio mio. 

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 27/01/2011 @ 14:10:51, in Vignetta-Blog, linkato 6404 volte)

 La procura di Milano continua a mandare documentazione in giro, che sia un piano di prolungare la telenovela? Sinceramente lo penso! Ma da buon anti-berlusconiano non posso che plaudere all'iniziativa.

In questi giorni si moltiplicano le iniziative popolari per mandare a casa il presidente del consiglio, la prima e' sul web:

http://www.libertaegiustizia.it/2011/01/20/resignation-firma-lappello-di-leg

sicuramente quella piu' divertente e' stata organizzata dal partito democratico in Emilia Romagna

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/26/in-fila-per-pagare-il-volo-a-berlusconi-sola-andata-per-antigua/88472/

e quella piu' vicina a noi, dal grande Padre Resca di Catania:

http://www.lasiciliaweb.it/index.php?id=52310/cronaca/ruby-parroci-catanesi-raccolgono-firme-la-chiesa-non-ceda-alle-lusinghe-del-potere

io aggiungerei la mia proposta: evangelizziamo!

Ognuno di noi decida di prendere uno stralcio del documento della procura di Milano, quello che reputiamo piu' interessante per i nostri vicini di casa. Stampiamolo in bella copia ed inseriamolo nelle buche del nostro condominio.

Che ne dite?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 25/01/2011 @ 17:57:35, in Vignetta-Blog, linkato 5504 volte)

Buondi' e Auguri all'Amore della Mia Vita
 
Dopo la parentesi personale, procedo con le mie elucubrazioni...

Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri - Sono alto biondo e con gli occhi azzurri ...

Funziona? Mi credete? No vero?

Sara' che la mia parola conta poco, non sono un politico ma un ciarlatano che scrive sul suo blog. Loro si' che sono credibili e a suon di balle le trasformano in verita':

"Berlusconi e' perseguitato dalla magistratura dalla sua discesa in campo", Balla. I processi ed i reati a carico di  Berlusconi sono iniziati prima. Un esempio: La Corte d'appello di Venezia, nel 1990, dichiara Berlusconi colpevole di aver giurato il falso davanti al Tribunale di Verona a proposito della sua iscrizione alla P2, ma il reato e' coperto dall'amnistia del 1989.

"La magistratura ha mandato un avviso di garanzia a Berlusconi durante l'importante G7 a Napoli". Ancora balla. L'avviso di garanzia e' arrivato presso i suoi uffici di Roma, e' stato reso pubblico a Napoli ma non consegnato.

Pero' ancora i suoi fedelissimi compagni di merende continuano a ripetere "balle" a ripetizione, ormai il "verbo" e' diventato negare, negare e negare fino allo svilimento. E la TV che non e' al suo servizio diventa automaticamente "disgustosa, spregevole, turpe e ripugnante" parole sue... di Mr. B. che iersera ha chiamato Gad Lerner su La7. Viva la democrazia e la liberta' di parola.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 20/01/2011 @ 09:55:35, in Vignetta-Blog, linkato 6449 volte)

 Sembra che il Ruby-Gate stia facendo tremare il palazzo, un terremoto semimediatico. Alcuni giornali, siti web e TV non lesinano su stralci di intercettazioni, commenti e quant'altro. Gli altri passano tutto come gossip di palazzo, e' come quando il re si era fatto l'amante: qualche figlio illegittimo e poco piu'. Peccato che non c'e' piu' la monarchia e che il nano non sia il nostro re ma un nostro dipendente, il popolo l'ha eletto (ancora non mi spiego perche') e questa "volonta' popolare" non equivale ad un incoronazione ma bensi' un mandato!

Ieri "il Giornale" enunciava le violazioni della legge perpetrate dai giudici, come se tutto girasse attorno al tentativo eversivo di abbattere il premier. Solo Famiglia Cristiana sembra essersi accorta che parliamo di immoralita', immoralita' diffusa... ...basta leggere le intercettazioni di un padre che "istiga" la figlia per avere in cambio dei soldi con i quali aprire un negozio, ma ve lo immaginate dire: "dai figlia mia, vai a letto con quel vecchio porco che ci compriamo un negozio". E le parole "vecchio porco" non sono a caso, le ha usate Belpietro su Libero e se lo dice lui... Ma che padre e'? Quello di Zelig che dice alla figlia di fare la velina anziche' l'ingegnere?

Ieri Albanese a "Parla con me" sembrava presentare un film su Moro, sulle BR, un film storico. Un film di cui si sa gia' la trama perche' sappiamo gia' come va a finire, l'abbiamo letta sui libri di storia. Non ti puoi aspettare un finale diverso: a Waterloo Napoleone verra' sconfitto anche se fai il tifo per lui. Il nano francese finira' in esilio, quello francese pero' perche' quello italiano finira' alla presidenza della repubblica...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 17/01/2011 @ 16:36:04, in Vignetta-Blog, linkato 7569 volte)

 Un amico ha risposto alla mia Vignetta di martedi' (link) scorso sul referendum in FIAT, prima di lasciare la parola al suo commento (sotto) desidero aggiungere un breve commento al risultato del referendum. E' stato sorprendente per tutti, nessuno dei promotori del "no" credeva di arrivare al 46%. Ci trovavamo di fronte ad un ricatto del tipo "vuoi essere stuprato o ammazzato?" e la risposta per me era ovvia, invece non lo e' stata.

Sinteticamente: le lavoratrici e i lavoratori di Mirafiori hanno dimostrato le palle. Complimenti.

Il commento di Peppe:

Io credo che prima di ogni cosa sia necessario tener presente che questa vicenda, come tante altre, ci dimostra ancora una volta come e quanto l'informazione sia controllata in Italia. Lo diciamo da tempo, dagli scioperi dei metalmeccanici per il CCNL di 4 o 5 anni fa, che giornali e TG fanno (e facevano) a gara per ignorare o sminuire ogni emanazione che per i suoi contenuti possa infastidire il regime in atto. E - perche' no? - fuorviare l'opinione pubblica dai temi caldi e fastidiosi alle leve del potere, inventando scoop giornalistici di bassa lega (minuti e pagine interamente dedicati ad argomenti di cui il cittadino si disinteresserebbe, se potesse scegliere) oppure travisando numeri, affermazioni, rivendicazioni, avvenimenti, pur di portare acqua al proprio mulino. Credo che non tenere in considerazione questa premessa, fa si' che qualsiasi analisi sul ns sistema Paese lasci il tempo che trova perche' certamente incompleta e (sigh) fuorviante. Piuttosto, se qualcosa vogliamo capire, dobbiamo prendere l'abitudine (e acquisirne la capacita', tecnica e mentale) di andare a cercare le informazioni. Magari piccoli bocconi d'informazione, a volte amari e a volte piu' gustosi, proprio per evitare di ingurgitare dissennatamente tonnellate di spazzatura propinateci con l'imbuto.  
 
Chi ha detto che i metalmeccanici della Fiat sono soli? Chi ha detto che la gente non e' al loro fianco? Non solo da tre quarti delle aziende metalmeccaniche italiane sono partiti attestati di solidarieta' (ultima la Thyssen Kroup:
http://temi.repubblica.it/micromega-online/gli-operai-thyssenkrupp-a-sostegno-della-fiom-no-al-ricatto-di-marchionne/), ma anche gruppi esterni (per esempio: http://temi.repubblica.it/micromega-online/anche-noi-cervelli-in-fuga-stiamo-con-la-fiom-lettera-aperta-di-19-italiani-che-lavorano-allestero/ o http://temi.repubblica.it/micromega-online/28-gennaio-i-lavoratori-della-conoscenza-in-piazza-con-la-fiom-intervista-a-domenico-pantaleo-segretario-flc-cgil/) o semplicemente la societa' civile (http://temi.repubblica.it/micromega-appello/?action=vediappello&idappello=391202&show=firme) si mobilitano. E che dire dei numeri in termini di partecipazione alle manifestazioni di studenti, metalmeccanici, ricercatori, migranti?
 
Il problema, e certamente non possiamo ignorarlo, e' che la precarieta' e la disoccupazione che ci permeano impongono l'allontanamento dai problemi degli altri e la concentrazione su se stessi, nella speranza (chi piu' chi meno) di sbarcare il lunario, finire il mese, pagare il mutuo, crescere figli sempre piu' depressi e spaesati (chissa' perche', poi) o accudire i propri genitori in assenza di uno Stato indegno anche della S maiuscola. E' questo il grande problema, individuato dal sociologo L.Gallino all'indomani della legge 30, che ha dato il via alla devastazione del nostro Paese: con la precarieta' crescera' l'egoismo della pancia (che via via si svuotera') e diminuiranno la solidarieta' e la partecipazione alla Cosa Democratica (Res Pubblica: ricordiamo?). La chiave per sopravvivere collettivamente (in alternativa all'individualismo) sara' proprio quella: non perdere la partecipazione e la solidarieta'. Ed e' su questo tema che da anni si confrontano intellettuali e organizzazioni, alla ricerca di una via che possa garantire al nostro Paese informazione corretta e quindi partecipazione e capacita' di reazione. Non e' facile, pero'. Anche perche' ne parlano, coi pochi mezzi a disposizione, solo quegli intellettuali e quelle organizzazioni (non poche, comunque).
Siamo oggetto di una campagna mediatica che ha pochi precedenti: chi ha il potere in mano sta peggiorando tutto della nostra vita, dal presente alla prospettiva, dai diritti ai soldi, dalla salute al cibo, dalla vita sociale alle aspettative di realizzazione personale. Tutto fuorviato e travisato, presentato come ricetta indispensabile a chissa' cosa. E intanto loro si arricchiscono, accrescono il loro potere, creano le basi perche' le loro (e non le nostre) generazioni future continuino a detenere saldo il potere. La delegittimazione della magistratura, l'attacco alla Costituzione, lo smantellamento del CCNL, la riforma della scuola, il Collegato al Lavoro (scommetto che non ne avete sentito neanche parlare), la depenalizzazione dei reati finanziari, la schiavizzazione dei migranti, i divieti di manifestazione e le infiltrazioni ai cortei, l'allontanamento dei giornalisti e la loro sostituzione con comici di bassa lega altro non sono che strumenti per raggiungere quel fine.
 
D'altro canto chi gestisce le leve del potere ha ben capito che spesso e' sufficiente darti l'impressione di essere solo, di essere un emarginato. Pensi di essere l'unico a chiedere opportunita' di lavoro e di crescita sociale, dignita' economica. Pensi che sia solo tu a voler invecchiare senza che ti buttino fuori pure dagli ospedali e con una pensione decente. E allora basta non parlarne in TV o - ancora meglio - parlarne in termini fuorvianti e il gioco e' fatto. Ecco allora che per tutti noi la strada gia' in salita si fa ancora piu' ripida, soprattutto se perdiamo l'abitudine a confrontarci con gli altri: il semplice confronto, franco e sincero, ci permetterebbe di capire che ci troviamo tutti sulla stessa barca e che vorremmo tanto cambiarla, anche se non sappiamo come fare.
Ma la consapevolezza, arricchita dalla generosita' e dall'iniziativa, quelle si', ne sono sicuro, saranno la ricetta giusta

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 11/01/2011 @ 17:01:04, in Vignetta-Blog, linkato 6195 volte)

Ricominciamo l'anno con i migliori propositi: scrivere un post al giorno. Ci riusciro'? Gia' ieri ho glissato...

Inizio l'anno con un grazie a Donna Summer che ogni volta che mi chiama mi stuzzica: "ti hanno rapito gli alieni? Perche' non scrivi piu'?"

E' ancora lei che mi ha invitato a scrivere di FIAT / Marchionne. Ieri sia Porta a Porta che l'Infedele si occupavano di Mirafiori, senza scendere nei dettagli delle due trasmissioni, e' chiaro agli autori di entrambe le trasmissioni (anche dell'Annunziata in verita') che il referendum del 13 gennaio e' importante non solo per le sorti della FIAT ma di una intera classe operaia. Cioe' noi!

Chi invece se ne frega e questo mi lascia perplesso sono i lavoratori non FIAT, i metalmeccanici delle altre aziende che fanno il tifo per Marchionne come se il tifo si trasformasse in emulazione, fare il tifo per lui non equivale a diventare lui... Sono contrario al "piano Marchionne" ma non voglio entrare nel dettaglio del perche', la mia modesta opinione ha poco valore rispetto a quelle dei tanti altri che scrivono e parlano. Sono interessato a chiedermi e a chiedere (se qualcuno volesse rispondere) perche' gli altri 4 milioni di metalmeccanici non scendono in piazza per dire no al piano FIAT, no al ricatto che sara' pietra angolare dei successivi rinnovi di contratto. Fino ad ora si sono aggiunti diritti per le lavoratrici e i lavoratori ad ogni rinnovo contrattuale, qui si inizia la fase inversa e non frega a nessuno. Questo sara' il giro di boa! Quanti gradirebbero vedere ridurre la pausa pranzo? Ne hai un ora, da domani non piu' di mezz'ora e da dopodomani solo quindici minuti. Quel che si fa a Mirafiori puo' essere la premessa per tutto il mondo del lavoro...

...ci vogliono trasformare in Cina, ma anziche' attaccare il sistema paese che costringe le aziende a pagare tasse inutili e perdersi tra uffici inutili, si pensa che il maggiore costo per un azienda sia la mano d'opera. Questa e' una risorsa! Se spendi 100 euro in marche da bollo son soldi buttati, se dai gli stessi soldi ad un lavoratore ci comprera' frutta e verdura. E qualcuno beneficiera' dei suoi soldi, in una catena.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Admin (del 01/01/2011 @ 00:00:00, in Blog, linkato 6946 volte)
...per il black out del sito, ma avevo dimenticato di pagare il rinnovo annuale. Adriano
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Pagine: 1

Iscriviti a BannerGratis: lo scambio banner di Mr.Webmaster!
 
< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Blog (33)
Memoria (15)
Politik (18)
Vignetta-Blog (344)

Catalogati per mese:
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
Curious to determine...
04/09/2012 @ 10:33:36
Di Gucci Outlet
googleuznwpd.com,htt...
04/09/2012 @ 10:20:04
Di Michael Kors 2012
googlelhqlhu.com,htt...
04/09/2012 @ 10:06:17
Di Michael Kors 2012
googleczgdgt.com,htt...
04/09/2012 @ 09:58:35
Di moncler women jacket
Here is an area that...
04/09/2012 @ 09:54:47
Di Michael Kors Outlet




 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina č stata eseguita in 16,62109secondi.
Versione stampabile Versione stampabile