Adriano Basile
  BENVENUTO     
«
 
Eventi
<
Giugno
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
-- -- -- -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 45
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11385)
New Blog (10757)
Antimafiaduemila (2974)
La mia libreria (2179)
Repubblica (2011)
Unita' (1969)
Situazione Traffico (1880)
PhD Ingegneria di Catania (1875)
STMicroelectronics (1865)
Corriere della Sera (1739)
Unict (1702)
NoiseFromAmerika (1580)
Ilsole24ore (1386)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Adriano Basile Blog
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Adriano (del 29/06/2011 @ 17:07:29, in Vignetta-Blog, linkato 3231 volte)

 L'Italia e' una Repubblica fondata sul lavoro.

Ossia, il lavoro dovrebbe rappresentare le fondamenta di questo Stato. Tutti coloro che lavorano dovrebbero star li' a reggere la Nazione. Bella l'immagine che se trae, no?

Purtroppo sta sfumando, c'e' una nebbiolina attorno... chi lavora non poggia i piedi ben stabili per terra, chi non lavora vorrebbe entrare a far parte del gruppo ed e' disposto a mortificare se stesso per farlo. Si entra ciclicamente, un po' come i portatori dei Santi ad una processione. Fai qualche metro, urli la tua adorazione e c'e' gia' pronto un altro per sostituirti, son tanti i devoti che il tuo tempo diventa sempre meno. Prima seguivi tutta la processione ora stai li quindici minuti.

Lo Stato dovrebbe accorgersi di essere ballerino, dovrebbe accorgersi che il continuo cambio di portatori lo porta in giro con meno stabilita' di prima: eh si', il continuo cambio non permette ai portatori di dosare le proprie forze, l'idea che il ricambio porta gente giovane e forte e' insana, non si ha il tempo di maturare, di irrobustirsi... si finisce solo per lussarsi la spalla.

Forse lo Stato se ne accorge... ma fa il contrario di quel che ci si aspetta, mette su un po' di peso in piu', cosi' il carico da trasportare e' maggiore di prima, gli infortunati crescono, tanto il bacino di devoti e' largo. Son tutti li' pronti ed avidi, anche se strafanno durante il loro turno che ci importa.

Un esempio dell'aumento del carico: la politica Marchionne. Mi fan riflettere tutti coloro che appoggiano l'AD di Fiat affermando che ha ragione lui, che dobbiamo diventar competitivi. Nessuno a dire: "abbassati lo stipendio". Nessuno a dire: "il profitto ad ogni costo e' bieco e cieco". C'e' una regola non scritta che tutti gli analisti finanziari cercano nei conti di una azienda...

...se l'azienda spende X per lo stipendio degli propri impiegati e operai, Y di materie prime, W per costruire il prodotto che vende e Z per mantenersi in piedi (energia elettrica, tasse, ecc...), il fatturato deve superare del 50% la somma di X + Y + W + Z!

Scusate l'alta matematica, ma spero di aver reso l'idea.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 16/06/2011 @ 11:52:23, in Vignetta-Blog, linkato 2944 volte)
Se non altro il referendum sembra aver acceso un po' di fuoco sotto il culo di alcuni nostri politici, mentre Brunetta fa il bambino capriccioso appena si prospetta che qualcuno gli possa fare una domanda scomoda. Non l'ascolta nemmeno, fanculizza e va via dalla porta sul retro dicendo "questa e' la peggiore Italia". Lui che ne da' il cattivo esempio e poi racconta frottole sul suo blog:
http://www.renatobrunetta.it/
magari qualcuno gli vuol scrivere tutti i propri apprezzamenti...

Ieri aveva scritto la sua versione dei fatti, confutata dalle televisioni e Youtube che si son permesse di dar il video integrale. Subito sul blog era comparsa una valanga di commenti ed insulti al nono-nano. Oggi stranamente il post e' leggermente diverso da ieri e i commenti sono magicamente spariti.

Bell'Italia!

Poi c'e' Tremonti che parla di riforma fiscale e per soddisfare il suo capo che gli dice "taglia le tasse cosi' facciamo bella figura", lui si accinge ad aumentare l'IVA. Ma come? Al suo solito modo: in modo lineare ed orbo.

Caro Ministro, sarei d'accordo a modificare l'IVA. Faccio un esempio: se compro un auto fino a 30000 euro la pago al 20%, se spendo dai 30000 ai 60000 euro l'IVA diventa progressiva fino al 25%, sopra i 60000 diventa progressiva fino al 30%. Che ne dite? Sarei curioso di mettermi a fare i conti con il quattroruote in mano e i dati di vendita' degli ultimi mesi, ma son convinto che cosi' lo stato ci guadagna qualcosina e forse riusciremmo anche ad abbassare l'IVA di qualche punto per chi compra auto sotto i 10000 euro.

Bersani ci sei? Tieniamente!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 15/06/2011 @ 08:58:09, in Vignetta-Blog, linkato 3447 volte)

[Forse ieri e' passato inosservata, per cui lo ribadisco: al mio post di lunedi' sul voto all'estero ha risposto Seby...
http://www.adrianobasile.net/dblog/articolo.asp?articolo=299
che ringrazio e saluto]

Vi ricordate il film "Non ci resta che piangere" con Troisi e Benigni? Io lo annovero tra i capolavori comici degli ultimi anni.

Le ultime pubblicita' della TIM mi ricordano quel film, la gag con Leonardo e le spiegazioni di Troisi e Benigni sul termometro, sul semaforo, il capitalismo, sul gioco della scopa e sul treno sono per me qualcosa di geniale. Fino alla scena finale in cui i due protagonisti credono di essere tornati nel presente quando vedono il fumo di una locomotiva ed invece si trovano davanti un Leonardo macchinista con il volto festante che dice: "per carita'! 33, 33 e 33" rassicurandoli che i proventi dell'invenzione saranno equamente divisi.

Non so se questo Leonardo ha ispirato i pubblicitari, ma secondo me c'e' una forte correlazione tra i due!

Mi lascio andare ad una considerazione estemporanea: che vita solitaria e forse triste doveva avere Leonardo Da Vinci!

Dai tanti manoscritti lasciati, dai capolavori esposti un po' qua un po' la', rivedendo le 'macchine di Leonardo' ricostruite nei musei di mezza Italia e' indubbio che fosse un genio! Ma un genio troppo avanti rispetto ai tempi in cui viveva. Con chi parlava di deltaplano? Con chi parlava di bicicletta? Con chi parlava di elicottero? O ancora con chi parlava di anatomia e medicina? Chi capiva i suoi discorsi?

Quest'uomo non aveva un interlocutore, e' il dibattito che arricchisce uno studioso, pensiamo un po' a Fermat, Pascal, Leibniz, Eulero che tra il 1600 e il 1700 costruirono molte basi dell'analisi matematica che abbiamo studiato noi. Loro piu' o meno direttamente han costruito i loro studi su quelli degli altri.

Leonardo no, era li' da solo a scrivere manoscritti con la mano manca che solo lui capiva! E un po' come rivedere Mario il bidello (Troisi) e Leonardo in posizioni invertite:

"Termometro! Un coso di vetro, mercurio, tutte le temperature, 35, 36, 37, 38. 37? leggero. 40! febbre febbre ospedale!" e l'interlocutore non capisce un tubo!

"Treno! due pezzi di ferro, ma lunghi! una cosa di ferro con la caldaia, butti legno nella caldaia il treno va." E l'altro: "Beh allora anche il caminetto va!"

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 14/06/2011 @ 08:09:42, in Vignetta-Blog, linkato 3674 volte)
E... anche se non e' piu' un nome di partito e... anche se mi vien dalla pancia la voglia di gridarlo... continuo a non farlo...

Grande Italia Grande! Forse non tutto e' perduto, rialziamoci!

Sono speranzoso in un cambiamento. Non lo ero... le amministrative del mese scorso credevo fossero un evento circoscritto ad una parte degli italiani, due sole le grandi citta' coinvolte, poi citta' e provincie minori. La pancia suggeriva di dar ascolto ai primi segnali del cambiamento di rotta, diceva che questi c'erano tutti, mentre il cervello teneva il freno a mano tirato: non cambia nulla e' tutto come prima, il nanetto e' ancora li' a fare il bunga bunga. Lo dice anche Briatore.

Pero' poi lo scorso fine settimana un evento m'ha emozionato ed ha iniziato a farmi cambiare idea: entrare nei giardini del Quirinale e' una cosa possibile una sola volta all'anno, vengono aperti la mattina del due giugno. Quest'anno l'evento e' stato spostato alla domenica successiva, il cinque giugno. C'era odor di Patria dentro i giardini, c'era la banda dei carabinieri nei giardini del Quirinale e sentir suonare dal vivo l'inno nazionale e cantarlo a squarciagola fa venire la pelle d'oca. Non eravamo ad una partita di calcio della nazionale, non c'erano calciatori che facevano i pesci per far credere ai telespettatori di saper cantare l'inno, c'erano piu' di cento persone attorno alla banda, tutte come me con gli occhi lucidi. E da questo ho capito...

...dobbiamo tornar bimbi, basta con il dire e pensare che i politici son tutti uguali. Basta con il dire, tutto e' uguale e non cambia nulla, basta con il pessimismo, basta con le tinte fosche, dobbiam guardare avanti con gli occhi di una bimba che davanti all'altare della patria, ha la bocca spalancata e gli occhi sgranati per lo stupore.

Proviamo ad immaginare quale possa essere il futuro del nostro paese che guarderemmo con gli stessi occhi, e lavoriamoci su...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Admin (del 14/06/2011 @ 07:59:00, in Blog, linkato 3969 volte)

Ciao Adriano,
ho appena letto il tuo post sul referendum, e in qualita' di italiano residente all'estero (guardacaso vicino San Jose), mi sono sentito tirato in causa...
Per una volta, devo ammettere di non condividere il tuo punto di vista. Quello che intendo e', io vivo in America ormai da 10 anni, ma quando accendo il computer la mattina il primo sito su cui mi connetto per leggere le ultime notizie e' Il Fatto Quotidiano (di cui sono anche abbonato).
Inoltre non ho la piu' pallida idea di chi sia il sindaco di San Jose, ed oltretutto senza la cittadinanza americana (che non ho e che non intendo prendere) non ho nemmeno il diritto di voto negli Stati Uniti, quindi non e' vero che io possa decidere chi sia il sindaco di San Jose. E visto che tutti gli anni passo le mie vacanze in Italia con la mia famiglia in Italia, cavolo se mi frega dove fanno la centrale nucleare!

In parole povere, io mi sento 100% italiano, e sono orgoglioso di poter votare per referendum ed elezioni politiche del mio Paese (cosa che ho sempre fatto e continuero' a fare). Secondo me fai un errore quando dici che io decido quel che accade qua mentre per te non vale il viceversa... Come ho scritto, io non decido niente di quel che accade qui. Essendo Italiano, io ho influenza solamente in quello che accade in Italia.

E' pero' vero che ci sono tanti Italiani all'estero che non rientrano nella mia categoria. Sto parlando di Italiani che hanno il passaporto solo perche' qualche loro progenitore era italiano, e che mantengono la cittadinanza solo per ragioni di comodita', ma poi non parlano nemmeno Italiano, e ovviamente a loro non gliene frega niente di votare. Questo e' un problema. Se fosse per me, io introdurrei (come viene fatto in certi paesi europei) una sorta di penalita' (pecuniaria o di altra natura) per chi non usufruisse del diritto di voto (che - ricordiamolo - non e' solo un diritto ma anche e soprattutto un dovere). Son sicuro che in quel modo le cose si sistemerebbero. Oppure l'Italia potrebbe smettere di accettare il principio di doppia cittadinanza (molti paesi non lo accettano, e secondo me non ha nemmeno molto senso); son sicuro che molta gente ci penserebbe due volte prima di prendere il passaporto italiano :)

Questo e' tutto. Adesso vado a dormire - sono stato alzato tutta la notte per leggere in diretta i risultati del referendum e adesso che le cose sono andate bene posso finalmente andare a riposarmi.

Un abbraccio da Mountain View,
Seby

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Di Adriano (del 13/06/2011 @ 08:15:13, in Vignetta-Blog, linkato 3385 volte)

 Sono ancora in attesa dei risultati dei referendum, c'e' ancora spazio e tempo per andare a votare. Chi volesse puo' farlo fino alle 15.

Non so se il quorum si raggiungera', sono speranzoso ma ho l'impressione che il "50% + 1" sara' legato ai voti degli Italiani all'estero. Per cui saremo in un'empasse fino a giovedi', giorno in cui si dovra' decidere a riguardo.

Non sono mai stato d'accordo sul voto degli Italiani all'estero, so che e' un diritto e che tutti gli stati occidentali lo prevedono pero' io distinguerei coloro che vivono all'estero per lavoro con prospettive di rientro in Italia da coloro che ormai han messo su famiglia fuori dai confini italiani.

In altre parole io limiterei lo status di 'avente diritto al voto' fino a quando non metti radici all'estero oppure non rientri in Italia. Se inizi a far parte di una nuova comunita' devi aver diritto a decidere la politica della comunita' in cui vivi e, non in quella dove vivevi e della quale ormai senti parlare in TV. Immagino un "cervello in fuga" a San Jose in California, sei li' da anni, l'azienda per la quale lavori e' americana, versi quindi le tasse in America, hai la previdenza sociale americana ed e' giusto che tu decida il sindaco di San Jose e non il parlamentare italiano. Ancor di piu', legare il quorum di un quesito referendario a te che sei dall'altra parte del mondo lo reputi corretto?

Magari' preferisci decidere se permettere la costruzione di una centrale nucleare sotto casa tua, li' sulla baia, ma quanto te ne frega se la vengono a costruire sotto casa mia?

A me frega, e se risultasse decisivo il tuo voto nel raggiungimento di quel "50% + 1" potrei dire d'esser stato truffato da un migrante. Ma questa volta non e' un migrante sbarcato a Lampedusa.

Sia chiaro "cervello" caro, non ce l'ho con te. Il problema e' qui, in questo strano paese a forma di stivale che ti ha dato il diritto al voto, e passi, ma ti ha dato in mano un potere piu' forte di quel che ho io qui: tu decidi di quel che accade qua, per me non vale il viceversa...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
 
Pagine: 1

Iscriviti a BannerGratis: lo scambio banner di Mr.Webmaster!
 
< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Blog (33)
Memoria (15)
Politik (18)
Vignetta-Blog (344)

Catalogati per mese:
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
Curious to determine...
04/09/2012 @ 10:33:36
Di Gucci Outlet
googleuznwpd.com,htt...
04/09/2012 @ 10:20:04
Di Michael Kors 2012
googlelhqlhu.com,htt...
04/09/2012 @ 10:06:17
Di Michael Kors 2012
googleczgdgt.com,htt...
04/09/2012 @ 09:58:35
Di moncler women jacket
Here is an area that...
04/09/2012 @ 09:54:47
Di Michael Kors Outlet




 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina č stata eseguita in 23,95703secondi.
Versione stampabile Versione stampabile