Adriano Basile
  BENVENUTO     
«
 
Eventi
<
Settembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 -- -- -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 14
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11748)
New Blog (11119)
Antimafiaduemila (2989)
La mia libreria (2216)
Repubblica (2052)
Unita' (1988)
PhD Ingegneria di Catania (1903)
Situazione Traffico (1899)
STMicroelectronics (1897)
Corriere della Sera (1758)
Unict (1714)
NoiseFromAmerika (1614)
Ilsole24ore (1397)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Adriano Basile Blog
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Obelix (del 29/02/2012 @ 16:50:18, in Blog, linkato 2072 volte)

Mi ha colpito dopo quello che ho visto in Val di Susa ….
… ripensando a ciò che scrisse Pasolini (che non possiamo dire fosse fascista o borghese) negli anni 70 dopo gli scontri tra studenti e celerini a Villa Gilia.

Ciao
            Obelix

Il Pci ai giovani!!, di Pier Paolo Pasolini
.
È triste. La polemica contro il PCI andava fatta nella prima metà del decennio passato. Siete in ritardo, figli.
E non ha nessuna importanza se allora non eravate ancora nati...
Adesso i giornalisti di tutto il mondo (compresi quelli delle televisioni) vi leccano (come credo ancora si dica nel linguaggio delle Università) il culo. Io no, amici.
Avete facce di figli di papà.
Buona razza non mente.
Avete lo stesso occhio cattivo.
Siete paurosi, incerti, disperati (benissimo) ma sapete anche come essere prepotenti, ricattatori e sicuri: prerogative piccoloborghesi, amici.
Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte coi poliziotti, io simpatizzavo coi poliziotti!
Perché i poliziotti sono figli di poveri.
Vengono da periferie, contadine o urbane che siano.
Quanto a me, conosco assai bene il loro modo di esser stati bambini e ragazzi, le preziose mille lire, il padre rimasto ragazzo anche lui, a causa della miseria, che non dà autorità.
La madre incallita come un facchino, o tenera, per qualche malattia, come un uccellino; i tanti fratelli, la casupola tra gli orti con la salvia rossa (in terreni altrui, lottizzati); i bassi sulle cloache; o gli appartamenti nei grandi caseggiati popolari, ecc. ecc.
E poi, guardateli come li vestono: come pagliacci, con quella stoffa ruvida che puzza di rancio fureria e popolo. Peggio di tutto, naturalmente, e lo stato psicologico cui sono ridotti (per una quarantina di mille lire al mese): senza più sorriso, senza più amicizia col mondo, separati, esclusi (in una esclusione che non ha uguali); umiliati dalla perdita della qualità di uomini per quella di poliziotti (l’ essere odiati fa odiare).
Hanno vent’anni, la vostra età, cari e care.
Siamo ovviamente d’accordo contro l’istituzione della polizia.
Ma prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!
I ragazzi poliziotti che voi per sacro teppismo (di eletta tradizione risorgimentale) di figli di papà, avete bastonato, appartengono al’altra classe sociale.
A Valle Giulia, ieri, si è cosi avuto un frammento di lotta di classe: e voi, amici (benché dalla parte della ragione) eravate i ricchi, mentre i poliziotti (che erano dalla parte del torto) erano i poveri. Bella vittoria, dunque, la vostra! In questi casi, ai poliziotti si danno i fiori, amici.
[...]
Pier Paolo Pasolini

 
 
Di Admin (del 14/06/2011 @ 07:59:00, in Blog, linkato 4000 volte)

Ciao Adriano,
ho appena letto il tuo post sul referendum, e in qualita' di italiano residente all'estero (guardacaso vicino San Jose), mi sono sentito tirato in causa...
Per una volta, devo ammettere di non condividere il tuo punto di vista. Quello che intendo e', io vivo in America ormai da 10 anni, ma quando accendo il computer la mattina il primo sito su cui mi connetto per leggere le ultime notizie e' Il Fatto Quotidiano (di cui sono anche abbonato).
Inoltre non ho la piu' pallida idea di chi sia il sindaco di San Jose, ed oltretutto senza la cittadinanza americana (che non ho e che non intendo prendere) non ho nemmeno il diritto di voto negli Stati Uniti, quindi non e' vero che io possa decidere chi sia il sindaco di San Jose. E visto che tutti gli anni passo le mie vacanze in Italia con la mia famiglia in Italia, cavolo se mi frega dove fanno la centrale nucleare!

In parole povere, io mi sento 100% italiano, e sono orgoglioso di poter votare per referendum ed elezioni politiche del mio Paese (cosa che ho sempre fatto e continuero' a fare). Secondo me fai un errore quando dici che io decido quel che accade qua mentre per te non vale il viceversa... Come ho scritto, io non decido niente di quel che accade qui. Essendo Italiano, io ho influenza solamente in quello che accade in Italia.

E' pero' vero che ci sono tanti Italiani all'estero che non rientrano nella mia categoria. Sto parlando di Italiani che hanno il passaporto solo perche' qualche loro progenitore era italiano, e che mantengono la cittadinanza solo per ragioni di comodita', ma poi non parlano nemmeno Italiano, e ovviamente a loro non gliene frega niente di votare. Questo e' un problema. Se fosse per me, io introdurrei (come viene fatto in certi paesi europei) una sorta di penalita' (pecuniaria o di altra natura) per chi non usufruisse del diritto di voto (che - ricordiamolo - non e' solo un diritto ma anche e soprattutto un dovere). Son sicuro che in quel modo le cose si sistemerebbero. Oppure l'Italia potrebbe smettere di accettare il principio di doppia cittadinanza (molti paesi non lo accettano, e secondo me non ha nemmeno molto senso); son sicuro che molta gente ci penserebbe due volte prima di prendere il passaporto italiano :)

Questo e' tutto. Adesso vado a dormire - sono stato alzato tutta la notte per leggere in diretta i risultati del referendum e adesso che le cose sono andate bene posso finalmente andare a riposarmi.

Un abbraccio da Mountain View,
Seby

 
 
Di Admin (del 01/01/2011 @ 00:00:00, in Blog, linkato 6902 volte)
...per il black out del sito, ma avevo dimenticato di pagare il rinnovo annuale. Adriano
 
 
Di Adriano (del 07/10/2010 @ 08:28:54, in Blog, linkato 5448 volte)

 Scusate per la triplice assenza, ma motivi di lavoro m'hanno tenuto lontano... non dal PC ma dal mio passatempo quotidiano: scrivere queste righe e condividerle via mail e sul blog con voi che mi leggete.

 Oggi vorrei lasciarmi andare ad un pensiero: perche' i bambini di sei anni di oggi sono uguali a quelli che frequentavo io trent'anni fa? Perche' nonostante la Wii, la PlayStation, il Nintendo DS alcuni loro aspetti sono ancora identici? Perche' ci son cose che si chiedono alla mamma e al papa'? ...

...perche' continuano a chiedere: "Mamma perche' l'aereo ha solo due entrate?" oppure "mamma perche' i finestrini dell'aereo son cosi' piccoli?" oppure "Mamma perche' il treno non parte? Gli si sono scaricate le pile?" ...

Beh, avete capito a cosa alludo. C'e' un'eta' in cui sembra che gli oggetti abbiano dei punti interrogativi stampati sopra. Noi adulti non li notiamo o non ci interessiamo di sapere, o piu' ragionevolmente a volte ci vergogniamo con noi stessi di chiedere, mentre loro no! Sono li' con la loro innocenza a chiedere continuamente, con quella voglia di sapere, con quella curiosita' disarmante. Bella, profonda e antropologicamente interessante... ...per chi l'analizza dall'esterno. Non certo per un genitore che si vede sotto interrogatorio e al 50% di quelle domande non sa che rispondere. Ignoranza certo! Ma anche mancanza di propria curiosita' scientifica e didattica. L'abbiamo messa in un cassetto del nostro cervello per preferire il rincoglionimento televisivo o radiofonico. Eh si', invidio coloro che ancora sfogliano il vocabolario per studiare un termine nuovo. Non quando questo e' un neologismo ma per studiare il significato delle "parole", la loro "semiotica". Son belle queste persone, son belle dentro, son giovani dentro, son bambini dentro.

Noi, o forse e' meglio dire io per non offendere nessuno, ci limitiamo a ricordare aspetti meno interrogativi della nostra infanzia: le prime cadute in bici, le scazzottate con gli amici o le bambole impiccate dalle amichette. Ci restano queste cose impresse nella mente, non le curiosita' germogliate e coltivate nel nostro mondo. Piccolo mondo antico penso a volte, anche se non e' vero: Piero Angela dice in un'intervista di sentirsi fortunato perche' ha conosciuto il mondo non tecnologico. Quello vero! Quello dove non tutto era esplorato, quello dove i paesi erano diversi sotto tutti gli aspetti e, non si parla di Stati ma anche dei semplici paesini: immaginiamo quanto erano diversi un paesino dell'entroterra siciliano da uno piemontese, quanto erano diverse le lingue (non i dialetti) dei loro abitanti, quanto erano diverse le cose che mangiavano. Perche'?

Perche' non c'era la globalizzazione: tutto uguale, tutto omologato.

Ma questi son discorsi troppo alti per colui che scrive, decido quindi di lasciarvi con un solo interrogativo:

...perche' Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, si vuole candidare alle prossime elezioni?

Eh, non v'aspettavate questa mia domanda! Pensavate ad un tono lieve di chiusura, ma c'e' vento e la porta sbatte e fa rumore! Questa novita' forse la dico in anteprima "mondiale" perche' Lo Bello e' seduto dietro di me in aereo mentre scrivo e torno a casa dalla mia dolce mogliettina.

Buona notte per me, Buona giornata per voi che leggete

 
 
Di Adriano (del 06/05/2010 @ 08:10:49, in Blog, linkato 5375 volte)

m'e' arrivata per email...

Un sant'uomo ebbe un giorno da conversare con Dio e gli chiese:
«Signore, mi piacerebbe sapere come sono il Paradiso e l'Inferno».
Dio condusse il sant'uomo verso due porte.
Ne aprì una e gli permise di guardare all'interno.
C'era una grandissima tavola rotonda.
Al centro della tavola si trovava un grandissimo recipiente contenente cibo dal profumo delizioso.
Il Sant' uomo sentì l'acquolina in bocca.
Le persone sedute attorno al tavolo erano magre, dall'aspetto livido e malato.
Avevano tutti l'aria affamata.
Avevano dei cucchiai dai manici lunghissimi, attaccati alle loro braccia.
Tutti potevano raggiungere il piatto di cibo e raccoglierne un po', ma poiché il manico del cucchiaio era più lungo del loro braccio non potevano accostare il cibo alla bocca.
Il sant'uomo tremò alla vista della loro miseria e delle loro sofferenze.
Dio disse: "Hai appena visto l'Inferno".


Dio e l'uomo si diressero verso la seconda porta.
Dio l'aprì.
La scena che l'uomo vide era identica alla precedente.
C'era la grande tavola rotonda, il recipiente che gli fece venire l'acquolina.
Le persone intorno alla tavola avevano anch'esse i cucchiai dai lunghi manici.
Questa volta, però, erano ben nutrite, felici e conversavano tra di loro sorridendo.
Il sant'uomo disse a Dio:
«Non capisco!»
- E' semplice, - rispose Dio, - essi hanno imparato che il manico del cucchiaio troppo lungo, non consente di nutrire sé stessi... ma permette di nutrire il proprio vicino. Perciò hanno imparato a nutrirsi gli uni con gli altri!
Quelli dell'altra tavola, invece, non pensano che a loro stessi...
Inferno e Paradiso sono uguali nella struttura... la differenza la portiamo dentro di noi!!!
Mi permetto di aggiungere...

“Sulla terra c'è abbastanza per soddisfare i bisogni di tutti ma non per soddisfare l'ingordigia di pochi.
I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni.
Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo".

Mahatma Gandhi.

 
 
Di Admin (del 12/10/2009 @ 17:53:26, in Blog, linkato 6474 volte)
Con questo post breve vorrei suscitare i vostri commenti su un quesito: se volessimo immaginare la Sicilia al massimo delle sue potenzialita' fra dieci anni. Come la immagineremmo?
- Un'isola di solo turismo?
- Un'isola ricca di aziende ad alta tecnologia?
- Un grande deserto al centro dell'Europa?
- Un immenso carcere per Boss Mafiosi?
 
 
Di Adriano (del 27/05/2008 @ 08:42:46, in Blog, linkato 5249 volte)
Ritengo assurdo continuare a parlare di Annamaria Franzoni e della grazia che le si dovrebbe concedere. La morbosita' aveva gia' raggiunto limiti angoscianti durante le puntate di Porta a Porta in cui Vespa con il plastico del villino di Cogne mostrava la posizione sul letto del piccolo Samuele quando e' stato colpito ripetutamente in modo brutale. Tre gradi di giudizio hanno condannato a sedici anni di carcere una persona per omicidio, non sono stati dati alla Franzoni attenuanti particolari ma sedici anni pieni. Non e' passata con il rosso in stato d'ebbrezza, la perizia psichiatrica non l'ha giudicata incapace di intendere nell'atto che ha commesso. E allora che sconti la propria pena! Confrontiamo questo caso con uno piu' semplice: un padre abusa di una figlia. Viene allontanato da casa e condannato a qualche anno di carcere, se noi fossimo la madre dell'abusata quanto ci sentiremmo sicuri a far ritornare quel padre a casa propria? Quanto crederemmo al suo pentimento? Quando avremo la certezza che nostra figlia sia al sicuro lasciata da sola a casa con il padre? A quanti chiedono la liberazione della Franzoni proporrei di farla diventare baby-sitter dei propri figli! Ci sentiremmo sicuri a lasciarli da soli a casa con l'Annamaria? Concludo con una constatazione amara: Samuele avrebbe festeggiato altri cinque compleanni, altri cinque natali e pasque, avrebbe ricevuto cinque anni di regali e giocattoli. Annamaria Franzoni ha rubato una vita, ha privato un bambino dal crescere e creare altre vite. Quante parole son state spese per lui?
 
 
Di Admin (del 12/05/2008 @ 08:02:24, in Blog, linkato 5040 volte)

iersera in TV ho assistito ad una bella puntata di "Che Tempo Che Fa", il programma di Fabio Fazio ha dato ampio spazio ad Emergency e le attivita' che l'associazione di Gino Strada porta avanti per il mondo. Un eroe dei nostri tempi senza mantello e maschera. Peccato che ce ne siano poche di persone cosi'.

Unica nota stonata del programma, a mio avviso, le scuse che Fabio Fazio ha dovuto leggere per quanto avvenuto la sera prima: l'intervista a Marco Travaglio, che a dire del direttore della Rai si e' permesso di insultare Renato Schifani. Dicendo che peggio di lui c'e' solo la muffa, basta leggersi il libro di Liro Abbate.

Beh, andando a rileggere il libro, Schifani non esce pulito dai fatti di mafia. Si e' fatto le ossa politiche nel collegio di Corleone, per poi diventare nel 2001 senatore di tale collegio per Forza Italia. Cio' non e' sicuramente reato. Ma da' adito a molti dubbi una affermazione del mafioso Nino Mandala' che racconta (ad un pubblico ministero) di una telefonata ricevuta da Gaspare Giudice (anch'egli neo-eletto nelle file di Forza Italia nel 2001): "mi ha telefonato dicendo che stamattina a casa di Enrico La Loggia c'e' stata una riunione. C'erano La Loggia, Schifani, Giovanni Mercadante [l'allora capogruppo di Forza Italia in Comune a Palermo, arrestato per mafia nel 2006 quando lo andarono a trovare in carcere sia Schifani che Alfano (neo ministro della giustizia)] e Dore Misuraca. [Giudice mi ha raccontato che] Schifani disse a La Loggia:"senti Enrico, dovresti telefonare a Nino Mandala', perche' ha detto che a Villabate Gaspare Giudice non ci deve mettere piu' piede... E quindi c'e' la possibilita' di recuperare Nino Mandala, telefonagli...""

Le relazioni tra Schifani e Mandala' vanno oltre, da una intercettazione nell'auto di Mandala' si scopre che Mandala' conosceva Schifani da prima che diventasse senatore di Forza Italia. Non da quando Schifani lavorava come esperto all'urbanistica del comune di Villabate (per 54 milioni l'anno nel '94), ma dagli anni '80 quando Schifani e La Loggia erano soci della Sicula Broker, societa' di una zona grigia sulla quale indago anche Falcone perche' legata a boss mafiosi e i fratelli Nino e Ignazio Salvo.

Beh, questo e' solo un assaggio di quel che ho letto e mi e' bastato per capire che Travaglio in un modo forse colorito non si e' sbagliato di molto.

 
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Iscriviti a BannerGratis: lo scambio banner di Mr.Webmaster!
 
< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Blog (33)
Memoria (15)
Politik (18)
Vignetta-Blog (344)

Catalogati per mese:
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Curious to determine...
04/09/2012 @ 10:33:36
Di Gucci Outlet
googleuznwpd.com,htt...
04/09/2012 @ 10:20:04
Di Michael Kors 2012
googlelhqlhu.com,htt...
04/09/2012 @ 10:06:17
Di Michael Kors 2012
googleczgdgt.com,htt...
04/09/2012 @ 09:58:35
Di moncler women jacket
Here is an area that...
04/09/2012 @ 09:54:47
Di Michael Kors Outlet




 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 6,082031secondi.
Versione stampabile Versione stampabile