Adriano Basile
  Le Ultime Notizie     
«
 
Eventi
<
Agosto
>
L M M G V S D
-- -- -- 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 11
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11649)
New Blog (11019)
Antimafiaduemila (2981)
La mia libreria (2197)
Repubblica (2032)
Unita' (1973)
STMicroelectronics (1889)
Situazione Traffico (1887)
PhD Ingegneria di Catania (1886)
Corriere della Sera (1747)
Unict (1706)
NoiseFromAmerika (1595)
Ilsole24ore (1389)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Scienza e Tecnologia
Inserito il 02 aprile 2007 alle 08:18:00 da davide. IT - Scienza e Tecnologia
Indirizzo sito : Corriere della Sera


I risultati dello studio saranno portati al prossimo G8. I primi a subire gli effetti disastrosi saranno Africa e Sudamerica, poi l'Asia

BRUXELLES - Ogni volta che vengono aggiunti nuovi dati e vengono effettuati studi più accurati, l'allarme climatico diventa sempre più serio. Un rapporto intergovernativo sui cambiamenti climatici - aggiornato con gli ultimi sviluppi sull'evoluzione dell'effetto serra - sarà presentato venerdì prossimo a Bruxelles, ma già da lunedì si riuniranno nella capitale belga scienziati di tutti il mondo che fanno parte del Gruppo intergovernativo di esperti sull'evoluzione del clima (Giecc-Ipcc), istituito dall'Onu. I risultati dello studio - condotto da circa 2.500 scienziati di 130 nazioni in sei anni - saranno poi portati all'attenzione del prossimo G8. <_div class="p">SEI GRADI - I dati confermano che, senza un intervento davvero efficace sui gas serra, la temperatura della superficie terrestre crescerà di oltre 6 gradi nei prossimi cento anni. Il surriscaldamento causerà un aumento dei fenomeni catastrofici, soprattutto nei Paesi del Terzo mondo: cicloni e precipitazioni di intensità record, inondazioni, siccità, erosione delle coste. Che a loro volta determineranno rischi di carestia, siccità e il rafforzamento di malattie tropicali oggi sotto controllo, che produrranno ondate migratorie verso i Paesi più sviluppati. PRIMA AFRICA E SUDAMERICA, POI L'ASIA - I primi effetti del riscaldamento si potrano purtroppo verificare già entro i prossimi vent'anni. I primi ad avere problemi seri - secondo il rapporto degli esperti mondiali - saranno le popolazioni che vivono in Africa e nell'America Latina. Dal 2050 circa sarà la volta dell'Asia, dove però verso il 2040 inizieranno a sciogliersi i ghiacciai himalayani. Se non si interverrà per invertire la tendenza, nel 2080 gli esperti prevedono che il 20-30% delle specie animali e vegetali saranno a rischio di estinzione. E riesploderanno malattie tropicali oggi sparite o tenute sostanzialmente sotto controllo.
Condividi articolo con:

Letto : 3450 | Torna indietro

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 3,796875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile