Adriano Basile
  Le Ultime Notizie     
«
 
Eventi
<
Luglio
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 5
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11551)
New Blog (10918)
Antimafiaduemila (2975)
La mia libreria (2186)
Repubblica (2019)
Unita' (1971)
Situazione Traffico (1883)
PhD Ingegneria di Catania (1880)
STMicroelectronics (1870)
Corriere della Sera (1744)
Unict (1704)
NoiseFromAmerika (1587)
Ilsole24ore (1387)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Cronaca
Inserito il 31 luglio 2009 alle 09:01:00 da admin. IT - Cronaca
Indirizzo sito : Lasiciliaweb


Accordo Stm-governo, 500 posti in più

L'intesa siglata a Roma dal governatore Lombardo e dai ministri Scajola e Gelmini prevede un investimento di 1,676 miliardi di euro per il rilancio degli stabilimenti catanesi e 650 unità lavorative salvaguardate



CATANIA - Seicentocinquanta unità lavorative salvaguardate, 500 nuovi posti di lavoro e investimenti per 1,676 miliardi di euro. E' quanto prevede l'intesa siglata a Roma, per il rilancio degli stabilimenti della STMicroelectronics e Numonyx di Catania.

A firmarla sono stati i ministri dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, e dell'Università, Mariastella Gelmini, e i presidenti delle Regioni siciliana, Raffaele Lombardo, e Lombardia, Roberto Formigoni. La Regione siciliana, che rende noti i termini dell'accordo, partecipa con 17.000.000 di euro e con l'assegnazione di un sito industriale che ha un valore di mercato di 50 milioni di euro. I finanziamenti pubblici rispondono all'ammontare massimo consentito dalla normativa nazionale e dai regolamenti europei.

L'intesa prevede di sviluppare due distinte linee di attività a elevato contenuto di innovazione tecnologica: la prima riguarda la realizzazione di celle e moduli fotovoltaici con elevati livelli di efficienza, la seconda si riferisce, invece, ad attività di ricerca e sviluppo industriale delle piattaforme e delle architetture circuitali delle nuove generazioni di memorie non volatili dei computers, i cosiddetti wafers.

La realizzazione dei componenti fotovoltaici ad alta resa energetica, nell'unità produttiva M6 di Catania, sarà possibile grazie alla collaborazione di STM con Enel e Sharp.

Una parte degli impianti sarà installata anche in un sito di 56 ettari reso disponibile dalla Regione Siciliana in contrada Palma Torrazze, nell'area industriale catanese. L'intesa nello specifico, prevede: la realizzazione di due linee di produzione da 320 megawatt l'anno nel periodo 2009-2010; un progetto pilota per la produzione di tecnologie avanzate per l'ottimizzazione dei tempi per la realizzazione integrata di celle e moduli ad elevato livello di efficienza; un programma di ricerca e sviluppo per l'evoluzione della tecnologia a film sottile con l'integrazione di materiali nano strutturali e la ricerca su tecnologie a film sottile su nuovi materiali.

Nel periodo 2013-2014 si prevede un ulteriore investimento, in una nuova unità produttiva, per la produzione integrata di celle e moduli con capacità effettiva di 480 megawatt/anno. "Abbiamo incassato questo ottimo risultato per i nostri lavoratori e per il 'sistema Sicilià - ha dichiarato Totò Cianciolo, della taskforce lavoro della Regione -. Adesso continua il nostro impegno per recuperare altre opportunità".

Soddisfazione per il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo: "Siamo riusciti a salvaguardare il lavoro e la professionalità di 650 lavoratori siciliani e a creare ulteriori 500 nuovi posti a specializzazione medio-alta. In un ciclo economico negativo, come l'attuale avere evitato la dispersione e l'emigrazione di questi 'cervellì è motivo di soddisfazione.  Per questo non posso che lodare il lavoro compiuto dai nostri uffici e sottolineare le forti e decisive collaborazioni dimostrate dal ministero guidato da Claudio Scajola, da Carmelo Papa vicepresidente di Stm e da Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel".


L'altra faccia della medaglia...


Ricerca, in Lombardia il polo dei nuovi microchip di Maria Sorbi

 Sarà realizzato nel centro di Agrate Brianza il nuovo progetto di ricerca e sviluppo di livello internazionale sulle nuove tecnologie, in particolare le memorie flash, presentato dal presidente della Regione, Roberto Formigoni, insieme ai rappresentanti di STMicroelectronics e Numonyx Italysrl. Il progetto rientra in una ampia intesa che coinvolge i ministeri di Istruzione e Sviluppo economico, la Regione Lombardia e la Regione Sicilia e tre società private (STMicroelectronics, Numonyx Italy srl e 3sun srl) e prevede investimenti complessivi, fra fondi pubblici e privati, pari a circa 1,7 milioni di euro nei prossimi anni. Il progetto di ricerca, che sarà sviluppato dai centri tecnologici di Agrate e Catania, avrà un investimento complessivo di 526 milioni, 10 dei quali resi disponibili dalla regione Lombardia. Ad Agrate, in particolare, sarà portato avanti un progetto che riguarda la ricerca e lo sviluppo delle memorie flash, che coinvolgerà circa 800 ricercatori.

Condividi articolo con:

Letto : 6150 | Torna indietro

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 4,242188secondi.
Versione stampabile Versione stampabile