Adriano Basile
  Le Ultime Notizie     
«
 
Eventi
<
Luglio
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 6
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (11551)
New Blog (10918)
Antimafiaduemila (2975)
La mia libreria (2186)
Repubblica (2019)
Unita' (1971)
Situazione Traffico (1883)
PhD Ingegneria di Catania (1880)
STMicroelectronics (1870)
Corriere della Sera (1744)
Unict (1704)
NoiseFromAmerika (1587)
Ilsole24ore (1387)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Scienza e Tecnologia
Inserito il 09 novembre 2009 alle 17:11:00 da admin. IT - Scienza e Tecnologia
Indirizzo sito : Corriere


Quel pasticciaccio brutto di «internet superveloce»
Il progetto di superconnessione per tutti gli italiani non decolla. La Finlandia in pochi anni arriverà ai 100 Mega



ROMA — Comprensibilmente irrita­to, l’attore Luca Barbareschi, oggi de­putato Pdl e vicepresidente della com­missione Comunicazioni non sa farse­ne una ragione: «Tutta questa storia è un mistero». Si riferisce alla decisione presa dal governo di congelare i finan­ziamenti (800 milioni di euro) per la banda larga «fino a crisi finita». A crisi finita? E chi decide quando finisce? Il pasticciaccio brutto della banda larga comincia una decina d’anni fa. Apprestandosi a vincere le elezioni del 2001, Silvio Berlusconi ha un piano. Di­gitalizzare l’Italia in un battibaleno, su­perando il divario che il Paese ha già accumulato con i concorrenti. Un an­no prima delle elezioni il futuro super­ministro Giulio Tremonti ha già le idee molto chiare.

Il 9 marzo 2000 dice a Dario Di Vico del Corriere : «Internet è quanto di più anti-giacobino possa esistere ed è ovvio che avvantaggi noi. La struttura delle vecchia società sta al­la nuova come un vecchio calcolatore sta a Internet. Quello era verticale, rigi­do, piramidale. La rete è orizzontale, flessibile, anarchica, federale». E obso­leta. Per questo il governo è intenzio­nato a lanciare un formidabile piano di modernizzazione. Nomina perfino un ministro. Non uno qualunque: nientemeno che l’ex manager europeo dell’Ibm, Lucio Stanca. Ma passa un an­no e mezzo, siamo nel dicembre del 2002, e del formidabile piano per digi­talizzare l’Italia nemmeno l’ombra. E Stanca consegna la sua delusione alla stampa. «Contavo di avere più soldi, ma in questa situazione è andata fin troppo bene. L’innovazione non ha lobby, girotondi, gruppi di pressio­ne... », si sfoga sempre con il Corriere.

La verità è che non ha una lira. Mentre vede i soldi che gli erano stati promes­si andare a ingrassare i bilanci dei par­titi politici, o qualche clientela, potreb­be forse rovesciare il tavolo e andarse­ne. Invece resta lì, a galleggiare. Lan­ciando di tanto in tanto qualche pol­petta alle masse. Come il primo agosto 2005: «La banda larga è un’assoluta priorità nell’agenda di governo, che ha varato una vera e propria riforma digitale per ampliare gli strumenti me­diante i quali possono esercitare una piena cittadinanza». Diventerà poi se­natore, quindi deputato, infine ammi­nistratore delegato dell’Expo 2015. Nel frattempo viene costituita pure una società, Infratel Italia, incaricata di cablare con la banda larga il Sud, col­mando così il cosiddetto digital divi­de . La mettono dentro Sviluppo Italia: poltrone, assunzioni, consulenze. Ine­vitabilmente. Nel 2007 la Corte dei con­ti gli riserva questo trattamento: «Alla data del 31 dicembre 2006 sono stati realizzati 510 chilometri di infrastrut­ture, pari al 29% delle opere previste nel piano. Va evidenziato che i chilo­metri realizzati sono risultati inferiori a quelli programmati mentre i costi di realizzazione risultano superiori». A quella data erano abilitate alla banda larga il 23% delle aree comunali previ­ste e delle 182 centrali telefoniche pro­grammate per la fibra ottica ne erano coperte appena 36.

Un «risultato poco soddisfacente», secondo la Corte dei conti, che rilevava pure come «la re­munerazione del personale manageria­le Infratel» era apparsa «particolar­mente elevata tanto da arrivare a 1.200 euro al giorno» mentre per gli «incari­chi di consulenza» (1.283.799 euro e un centesimo) si sottolineava che era­no stati «effettuati intuitu personae, in violazione dei principi di pubblici­tà, concorrenza e trasparenza». In seguito le cose sarebbero andate un po’ meglio. Ma pur sempre nella precarietà finanziaria. Sapete quanti soldi aveva destinato a superare il co­siddetto divario digitale un Paese che è agli ultimi posti in Europa per la dif­fusione di Internet? 351 milioni. Che sono poi diventati 301, perché, beffa nelle beffe, 50 sono stati prelevati per la copertura dell’abolizione dell’Ici, promessa in campagna elettorale dal­l’attuale premier Silvio Berlusconi. Non che le cose andassero molto me­glio durante il governo di Romano Pro­di, al punto che il presidente dell’Auto­rità per le comunicazioni, Corrado Ca­labrò, il 24 luglio 2007, avvertiva: «Sia­mo al capolinea. La situazione del mer­cato italiano della larga banda non ap­pare soddisfacente. La copertura, la dif­fusione, il livello concorrenziale delle offerte segnano il passo rispetto ai Pae­si più virtuosi d’Europa. La diffusione è al 14,5%, il che ci piazza all’ultimo po­sto dei Paesi del G7 e anche dei 27 membri dell’Unione europea».

 Nel 2007 il tasso di crescita della banda larga in Italia era del 3%, il livel­lo più basso d’Europa con l’eccezione del Lussemburgo. Poi è arrivato il nuo­vo governo e il viceministro alle Comu­nicazioni Paolo Romani, assessore del Comune di Monza, ha preparato un piano da 800 milioni in cinque anni. Entusiasta, ha dichiarato non più tardi del 25 settembre 2009: «Il governo ri­tiene di poter digitalizzare il Paese en­tro il 2012 e di farlo anche prima di al­tre nazioni». Quando però gli 800 mi­lioni sono stati messi sul binario mor­to (servono forse per altre cose, come tappare il buco degli stipendi per i fo­restali calabresi?) non ha fatto una pie­ga: «Il blocco dei fondi da parte del Ci­pe è un falso problema. Il piano è parti­to e va avanti». Campa cavallo. La Fin­landia annuncia che fra qualche anno garantirà a tutti i cittadini la connes­sione a 100 mega e noi siamo sempre alle prese con le stesse sardine. Con tutto il rispetto per le sardine.

Condividi articolo con:

Letto : 3422 | Torna indietro

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 3,5secondi.
Versione stampabile Versione stampabile