Adriano Basile
  Le Ultime Notizie     
«
 
Eventi
<
Gennaio
>
L M M G V S D
-- 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 10
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (8476)
New Blog (7867)
Antimafiaduemila (2948)
La mia libreria (2111)
Repubblica (1948)
Unita' (1936)
Situazione Traffico (1851)
PhD Ingegneria di Catania (1836)
STMicroelectronics (1770)
Corriere della Sera (1722)
Unict (1683)
NoiseFromAmerika (1537)
Ilsole24ore (1367)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Economia
Inserito il 05 gennaio 2010 alle 14:53:00 da admin. IT - Economia
Indirizzo sito : Corriere


il ministro: «i progetti finanziati potranno avere una durata massima di 3 anni»
Scajola: al via i contratti d'innovazione , daranno lavoro a 30mila ricercatori
Le risorse per il finanziamento di questo strumento consentiranno alle imprese investimenti per 2 miliardi



MILANO - Il ministero dello Sviluppo Economico lancia una nuova formula di «contratti di innovazione tecnologica» che, attivando investimenti per circa 2 miliardi di euro, favorirà la ricerca applicata e stimolerà nuove opportunità di lavoro per oltre 30 mila ricercatori. Lo comunica lo stesso dicastero di Via Veneto in una nota. Il ministro, Claudio Scajola, ha infatti firmato il decreto ministeriale che dà via libera a questi nuovi contratti.

NUOVI CONTRATTI - Scajola ha spiegato che: «Eccellenza, rigore e risultati in tempi certi sono le parole d'ordine su cui abbiamo puntato nei contratti di innovazione per consentire alle imprese italiane di conquistare nuovi traguardi nelle produzioni e nei servizi ad alto valore aggiunto». E ha proseguito: «Siamo convinti che questo nuovo strumento aggiunga un altro elemento importante al quadro della rinnovata alleanza strategica tra imprese, sistema bancario e Stato per il rafforzamento della competitività del Paese». Inoltre, il ministro ha ricordato che «i progetti finanziati potranno avere una durata massima di 3 anni». Si tratta di progetti innovativi «fuoriserie», di importo superiore a 10 milioni di euro, che si realizzeranno attraverso le partnership tra pubblico e privato grazie ad un processo di negoziazione. Le risorse disponibili per il finanziamento di questo nuovo strumento, in grado di consentire alle imprese un volume d'investimenti pari appunti a circa 2 miliardi di euro, permetteranno ad oltre 30 mila ricercatori di lavorare. Nel decreto del ministro dello Sviluppo Economico sono fissati un iter dettagliato e tempi molto stretti per l'attivazione di un «contratto di innovazione».

Condividi articolo con:

Letto : 2202 | Torna indietro

 
 Adriano Basile and ©AspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 1,0625secondi.
Versione stampabile Versione stampabile