Adriano Basile
  Le Ultime Notizie     
«
 
Eventi
<
Aprile
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 -- -- -- -- --

Questa settimana

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 22
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti


I preferiti
New Blog (10237)
New Blog (9616)
Antimafiaduemila (2967)
La mia libreria (2166)
Repubblica (1991)
Unita' (1956)
Situazione Traffico (1866)
PhD Ingegneria di Catania (1864)
STMicroelectronics (1845)
Corriere della Sera (1732)
Unict (1695)
NoiseFromAmerika (1569)
Ilsole24ore (1380)


google
Google

Visite
Web site analytics
utenti collegati

 
Economia
Inserito il 08 febbraio 2010 alle 17:17:00 da admin. IT - Economia
Indirizzo sito : Repubblica


Scajola: "8-9-10 offerte per Termini Imerese"



ROMA - Ci sono offerte per lo stabilimento di Termini Imerese. Bisogna solo valutare quale sia la migliore per salvaguardare i posti di lavoro. Le rassicurazioni arrivano dal ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, che ha fattoil punto sulla vicenda della fabbrica siciliana intervistato su Canale 5. Per lo stabilimento Fiat, ha detto "abbiamo 8-9-10 offerte, che stiamo valutando e che presenteremo il 5 marzo al tavolo dell'auto per valutare qual Ŕ quella che pu˛ garantire i posti di lavoro: abbiamo tempo un anno e mezzo".

"Termini Imerese per la Fiat Ŕ un discorso chiuso, ma il Lingotto agevolerÓ, aiuterÓ, non ostacolerÓ una soluzione diversa. Fiat ha dichiarato di volerlo chiudere, nell'ambito della riorganizzazione che sta facendo in Italia - ha aggiunto Scajola -. Noi riteniamo che ci sia ancora spazio per Termini, ma prendiamo atto della decisione di Fiat. Abbiamo per˛ chiesto al Gruppo di aumentare la produzione in Italia, e aumenterÓ da 650 mila a 900 mila pezzi. Per quanto riguarda Termini, abbiamo chiesto a Fiat che insieme a noi si impegni per trovare una soluzione industriale, possibilmente ancora sull'automobile".

"Quanto a Pomigliano d'Arco, Scajola ha osservato che lo stabilimento "soffre della crisi di produzione dell'Alfa Romeo, che Ŕ debole in questo momento: ma in accordo con la Fiat si prevede lo sviluppo producendo lý la Panda, che attualmente Ŕ prodotta in Polonia e che Ŕ il modello di punta delle vendite Fiat".

Tornando infine sulla polemica relativa agli incentivi, Scajola ha parlato dei 270 milioni ricevuti dal gruppo automobilistico per la per ricerca e gli investimenti: "Certo Ŕ - ha sottolineato - che questi incentivi sono quelli che hanno permesso di avere prodotti innovativi e quindi di vincere la battaglia per la Chrysler. Non vanno restituiti, ma sono un grande impegno perchŔ la Fiat sviluppi l'italianitÓ e la presenza in Italia". "Nel passato - ha concluso il ministro - la Fiat ha dato diverse prove di poca attenzione all'auto, ma da quando c'Ŕ Marchionne ha investito molto sul settore, che Ŕ diventato il suo core business. E allora via le polemiche, ma la Fiat si ricordi che l'Italia ha dato alla Fiat come la Fiat ha dato all'Italia".

Condividi articolo con:

Letto : 2252 | Torna indietro

 
 Adriano Basile and ęAspNuke 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina Ŕ stata eseguita in 3,4375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile