W l’Italia

Domenica 24 marzo si vota per eleggere il Presidente della Regione Basilicata, un mese fa s’era votato in Sardegna ed un mese prima in Abruzzo.

Siamo in perenne campagna elettorale, un po’ come il campionato di Calcio le cui giornate di serie A che iniziano il venerdì e terminano il lunedì, ma tanto dal martedì al giovedì ci sono le Coppe.

Siamo in perenne campagna elettorale, sembriamo un Paese al Bar a commentare le partite passate ed a pronosticare quelle future… la cosa che mi turba è che sia i commenti che i pronostici son fatti con i nostri soldi, ne farei a meno o almeno desidererei che si concentrassero sui fatti: la disoccupazione è un fatto, l’inquinamento dei nostri mari è un fatto, l’esistenza della mafia è un fatto, l’esistenza della Ndrangheta è un fatto, che queste siano ormai ramificate in tutta Italia altro fatto!

Ma i commenti sono sempre sull’arbitro e sul comportamento del pubblico sugli spalti.

Qualche giorno fa una giornalista ha incalzato il vicepresidente Di Maio sul perché le spese a Palazzo Chigi fossero aumentate anziché diminuire come promesso in campagna elettorale, e lui come un Boy Scouts preso con le mani nella marmellata ha candidamente risposto: “perché ci sono due vicepresidenti”; l’altro vicepresidente (Salvini per chi non lo ricordasse) scrive sui social quali sono i suoi problemi : “parlare di famiglia suscita polemiche. Io non voglio togliere nulla a nessuno. Ritengo solo che utero in affitto e donne bancomat per sfornare figli non rappresentano il Futuro che ho in mente io.”

W l’Italia

Spererei in un monito…

Sono passati quasi tre anni da quando i cittadini del Regno Unito hanno votato per lasciare l’Unione Europea, il 51,89% ha deciso per l’intera popolazione, si disse che “è la democrazia, il popolo ha deciso”. Nonostante l’affluenza fosse del 72% circa.

A tre anni quel castello di idee: “no all’austerity”, “i soldi delle mie tasse lì spendo come voglio” si è praticamente infranto su un muro… il Deal o il no-Deal. Ossia, lasciare l’unione monetaria con un accordo o meno.

A pochi giorni dall’uscita, la fatidica data è il 29 marzo, la confusione è quasi totale… quella che fino agli anni sessanta era la seconda potenza al mondo, è allo sbando: si prospetta una crisi di governo e un impoverimento della popolazione con milioni di posti di lavoro persi. Addirittura un piano per far scappare all’estero la famiglia Reale.

Vorrei tanto che tutto questo sia da faro per le prossime elezioni Europee, in Italia ma anche in tutti i paesi che ergono muri e chiudono confini. Non siamo la Gran Bretagna, ci teniamo in piedi con molto meno… lo dico all’Austria, all’Ungheria e anche ai coinquilini di questo condominio chiamato Italia, e lo dimostra quanto sta accadendo negli ultimi giorni… una cosa “buona” per l’Italia questo Governo stava approntando: la cosiddetta “via della seta” e ci stiamo letteralmente cacando sotto perché sia la Comunità Europea ma soprattutto Trump hanno alzato la voce contro la ratifica di tale accordo. E tutti lì a dire: non è quel che pare, siamo atlantici, siamo europeisti. Anziché: “cazzo volete che mi stavo facendo gli affari miei? Ciuffetto biondo tu vuoi i dazi mentre noi vogliamo esportare il Made in Italy”

Mi sa tanto che non ho udito nulla di tutto ciò, e neanche i tanti Fan di Salvini hanno espresso un commento simile sui social, anzi la moda del giorno è spalar merda contro Luca Bizzarri che da Genovese si indigna per una foto in cui si ritrae il taglio della torta per la ricostruzione del ponte di Genova. Vera o falsa che sia la foto, a qualunque cosa essa di riferisca (Verona, Vercelli, si è detto di tutto), si esprime un giudizio a tutela dei familiari delle 43 vittime del crollo. Punto. Perché è più accettabile che un Ministro della Repubblica Italiana si mostri gioioso davanti ad un barattolo di Nutella, che un comico si dica indignato per il taglio di una torta?

Caro Ministro ti scrivo…

Caro Ministro degli Interni ti scrivo così mi distraggo un po’, e siccome sei molto indaffarato più forte ti scriverò.

Da quando il tuo Governo si è insediato c’è una grossa novità: si vota la modifica alla legittima difesa che tanto hai voluto.

Se dovessi prendere per buono quanto scrive Wikipedia, ti ricordo: Il Ministero dell’interno è un dicastero del governo italiano che ha competenza sull’ordine pubblico in quanto autorità nazionale di pubblica sicurezza di vertice in Italia.

Qualcosa ancora qui non va: tu dici “Si esce poco la sera compreso quando è festa. C’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra”

E per questo ci legittimerai a difenderci da soli, tu Ministro di Pubblica Sicurezza ci dici: vi do una pistola e “Sparagli, sparagli ora e dopo un colpo sparagli ancora. Fino a che tu non lo vedrai esangue cadere in terra a coprire il suo sangue”.

Non ti sembra un po’ assurdo? Se mi difendo da solo, a che servono 278mila poliziotti, carabinieri, finanzieri, … e soprattutto a che servi tu capo di tutti loro?

 La televisione ci ha detto che il nuovo anno di Governo porterà una trasformazione: a scuola ci daranno i libri e ci faranno studiar da soli, in ospedale aboliranno l’anestesia perché ci opereremo tra noi, al ristorante invece cucinerà chi vuole…

tutti quanti stiamo già aspettando che sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno, ogni Cristo scenderà dalla croce anche gli uccelli faranno ritorno. Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno, anche i muti potranno parlare mentre i sordi già lo fanno.

Italia a due velocità

Ieri si è votato in Sardegna, le notizie si rincorrono e preferisco pensarci ad acque chete. Lasciamo che i “grandi” della politica italiana si esprimano con le loro valutazioni… tanto nessuno dirà di aver perso, al massimo ci si giustificherà che le regionali hanno regole di ingaggio differenti, beh già due consecutive farebbero una prova invece son coincidenze…

Comunque, la notizia che ha colpito la mia attenzione durante il weekend è il blocco dei collegamenti ferroviari tra la Sicilia e il resto di ITALIA. Un problema a Paola ha causato fino a tredici ore di ritardo, l’intercity Siracusa – Milano è diventato un odissea ma pochi ne parlano. Non fa più notizia come non lo fa che l’Alta Velocità si ferma a Salerno, neanche ad Eboli. Da lì in poi il nulla, e pensare che la prima ferrovia in Italia fu la Napoli – Portici, i Re Napoletani s’erano stancati di andar in villeggiatura in carrozza! Purtroppo fu tutto lì, l’Unita di Italia annullo gli investimenti che avrebbero portato la ferrovia in Calabria per l’acciaieria… ve lo ricordate che nel 1800 in Calabria c’era una delle più moderne acciaierie d’Europa?

La Calabria ha in pratica un unico collegamento Nord Sud parallelo alla A2 Salerno – Reggio, infatti la ferrovia sulla Costa Ionica è inenarrabile. Quindi quando c’è un problema la Calabria si divide in due.

Per non parlare delle ferrovie in Sicilia, hanno sempre fatto storia a sè: l’assenza assoluta, uniche note positive negli ultimi anni i passanti ferroviari di Catania e Palermo. Ed è quasi tutto lì, il famoso corridoio Palermo – Berlino, che si doveva incrociare con la TAV dal Portogallo alla Germania passando per Lione e Torino, ha raggiunto Termini Imerese.

Forse non ci si crede: da Trapani a Siracusa ci vogliono più di 11 ore! E pensare che lo scorso settembre RFI ha inaugurato la linea Siracusa-Catania rimodernata: si percorre in 6 minuti in meno… da 1 ora e 46minuti che era prima per percorrere 70km circa.

C’ero cascato…

…anche io: all’arrivo della proposta del Governo di obbligare le radio a trasmettere una quota minima di musica italiana pari al 33% gridavo davanti alla TV “incompetenti”.

In realtà il fact checking mi ha svelato che gli esponenti del Governo hanno riciclato una proposta, era già Franceschini nel 2017 che proponeva la stessa cosa.

E quindi devo ritirare il mio commento veloce e ragionare un attimo: attualmente la media di musica italiana in radio è del 45% nella sua complessità, ovviamente ci sono radio che trasmettono il 100% di musica italiana e altre lo 0%. Questo è un fatto!

Perchè la proposta: ovviamente i detrattori dell’idea vedono un complotto nazionalista dietro le parole, i promotori giustificano l’idea con l’arricchimento del PIL italiano con l’assunzione: più musica = più lavoro.

Beh, questo è da verificare ed è qui che un analisi corretta andrebbe fatta. L’unica cosa che vedo aumentare certamente sono gli introiti della SIAE, per il resto ho tanti dubbi: viviamo un periodo in cui la musica percorre le autostrade digitali, ci sono i talent per scoprire nuovi cantanti. Sono nato nella patria della Musica Melodica e poche di quelle canzoni vanno sui circuiti nazionali, Napoli ha una propria realtà musicale in cui i cantanti non fanno soldi con i dischi (molti non esistono su Apple Music) ma con Matrimoni, Cresime, Battesimi ecc. C’è una bellissima puntata di PIF a riguardo…

Nella sua complessità, onestamente credo che la domanda e l’offerta si debbano incontrare naturalmente e non forzati. E’ più importante la buona musica che fa crescere generazioni di musicisti e queste non nascono per legge…

M5S al voto – post

Il voto popolare è ormai giunto: il 59% dei votanti sulla Piattaforma ha votato NO all’autorizzazione a procedere, su circa cinquantamila votanti trentamila hanno appunto indicato che Salvini ha agito correttamente. Quest’ultima ovviamente è una mia interpretazione perchè non c’era la domanda: “perchè?”

Leggendo i Social ho l’impressione che il Movimento si sia spezzato tanto quanto i votanti: 60 e 40 o giù di lì. Come dicevo ieri la base che si immedesima nel 40% degli aventi diritto il voto è arrabiata perchè si va contro uno dei principi fondamentali da cui il Movimento è stato fondato… per questi si è un po’ di fronte ad un incipit di Fattoria degli Animali.

Cosa succederà domani in commissione al Senato? I rappresentanti hanno già detto che seguiranno il voto popolare per cui non c’è molto da aspettarsi viste le espressioni di voto di cui leggevo ieri. Certo è che a leggere gli editoriali di oggi c’è un baratto in corso: vedremo cosa si scambia la TAV o l’autonomia regionale?

M5S al voto – pre

Scrivo in anticipo: oggi gli iscritti alla piattaforma Russeau stanno votando per dare ai Senatori del Movimento 5 Stelle le loro indicazioni, dal basso, sul dare o non dare l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini. Ovviamente, i passi istituzionali non prevedono tali consultazioni ma da domani si discuterà nella giunta del Senato e poi in Senato, appunto. Chiaramente la Giunta è una espressione ridotta delle proporzioni tra i senatori dei vari gruppi politici per cui ad oggi: Lega voterà No assieme a Forza Italia e Fratelli di Italia, il PD voterà Sì (almeno così dicono i suoi esponenti).
Comunque, non voglio fare l’indovino ma, altresì condividere il mio personale pensiero che qualunque sia il risultato c’è una perdita sostanziale per il Movimento stesso…

Vorrei tralasciare ma non possoi commenti sulla piattaforma informatica, che aimè condivido, fa acqua da tutte le parti: è impensabile che un movimento che si dica spostato in rete non possa dirsi sicuro del “mezzo”… e questo sta prestando il fianco a tutte le forze politiche che irridono tale procedura. Per chi non lo sapesse non parliamo del Blog di Beppe Grillo, ma di una piattaforma dove l’iscrizione passa attraverso la condivisione con i gestori della propria carta d’identità, quindi una falla informatica “teoricamente” mette a rischio i dati sensibili degli utenti.

Passando al quesito: Se vincerà il Sì, che vuol dire “non” autorizzare il procedimento penale nei confronti di Matteo Salvini il Movimento perderà sicuramente pezzi del proprio elettorato, quelli più duri e puri. Se vincerà il No, ossia autorizzare il procedimento gli scenari possibili son tanti e tutti cupi: i senatori potrebbero andare contro il voto “popolare” e credo sarebbe una catastrofe o confermarlo. E qui si andrebbe alla conta dei voti: PD e M5S teoricamente raggiungono la maggioranza dei senatori e potrebbe passare la richiesta della Procura di Catania ma… terrà la maggioranza? …Siamo a pochi mesi dalle politiche europee…

Non è un attacco di senilità

Silvio Berlusconi in questi è riapparso dalle proprie ceneri ed ha fatto due passaggi televisivi nel giro di tre giorni, il suo mantra è “gli italiani sono fuori di testa” e “italiani siete una vergogna”.

Sembra l’ennesima Minch… dell’ex cavaliere, la stampa minimizza e i suoi alleati (o ex alleati) fanno finta di nulla… a domande dirette preferiscono sorvolare.

Beh, posso dire di essere cresciuto con Berlusconi e le sue TV, sono di quella generazione che il suo primo voto alle nazionali vedeva Forza Italia tra le liste sulla scheda elettorale e… sono convinto che non siamo di fronte ad un attacco di senilità galoppante ma B ha un disegno preciso: smuovere il secondo partito d’Italia. Attenzione non parlo del Movimento 5 Stelle, ma di quelli che si dichiarano indecisi… all’ultimo sondaggio SVG infatti, quasi al pari della lega si ha un 32-33% di “non so”. È questa la sua platea!

È strano a dirsi ma, credo che la configurazione di voto ad oggi vede: gli imperturbabili di sinistra arroccati sul PD e relative liste di sinistra al 20%. Questi li chiamo impropriamente ‘imperturbabili’ perché son lì nonostante gli ultimi anni di Bersani, Letta, Renzi e Gentiloni. Dall’altra parte la Lega è ai suoi massimi storici e credo che sia difficile arrivare più in alto e, Forza Italia è ai minimi storici. Con questi numeri non può fare la seconda gamba… con Fratelli di Italia in crescita. Berlusconi non vuole attaccare il suo alleato al prossimo governo ma i delusi dei 5 Stelle, quelli che hanno votato i grillini frullati dall’idea del nuovo ma senza la convinzione profonda ed ora dicono un laconico “non so”.

Mediaticamente è sublime: attacca il Movimento volendo far presa su chi già si sente deluso da loro ed è restio ad ammetterlo. se siete quelli prossimi a dire: “meglio Berlusconi che questi incompetenti”, ecco … è su di voi che cerca di far presa

Finalmente una riforma scolastica giusta

Sono laureato in ingegneria, per poterlo dire ho superato 30 esami ed ho lasciato otto anni della mia vita sui libri. Gli anni migliori… quelli dei vent’anni!

Finalmente si porrà fine a tale sopruso: la legge in discussione alla camera propone un cambio epocale nel nostro sistema scolastico, all’inizio ero scettico perché sembrava l’ennesima dimostrazione di forza… infatti, ogni governo che ha preceduto l’attuale ha pensato bene di lasciare la propria impronta scrivendo una riforma scolastica, in realtà mi sbagliavo.

La riforma in discussione è rivoluzionaria: non sarà più il professore che giudicherà la mia preparazione ma entreranno in gioco anche i miei compagni di studio e gli amici e parenti, finalmente chi come me entrava nel panico per un esame, e non era in grado di dimostrare la propria preparazione il giorno degli esami, potrà chiedere aiuto a chi ha trascorso gli ultimi giorni sui libri assieme a me o mi ha visto applicato a studiare!

Finalmente la nostra preparazione potrà essere giudicata dai propri pari e non da un essere supremo e arrogato di un diritto.

Così i nostri figli, per me è tardi non mi riscriverò all’università, potranno non gettare al vento i migliori anni della propria vita solo per un arrogante professore radical-chic.

Ps vi sembra assurdo? È quello che ha appena dichiarato il Presidente della Rai per i giudizi del prossimo Sanremo: “la giuria di esperti non ha il diritto di ribaltare il voto popolare e giudicare…” da qui il passo è breve, ve l’assicuro… dategli tempo.

L’eredita del bitcoin

Il bitcoin è nato con l’idea di togliere ai ricchi e dare ai poveri, in pratica il concetto base del processo di gestione della moneta virtuale era nella re-distribuzione del denaro e delle informazioni ad esse correlate. Oggi siamo abituati ad avere un conto corrente: ossia abbiamo dato i nostri soldi ad una banca, la quale ci rilascia una ricevuta e ne fa ciò che vuole fino a quando non chiediamo l’estinzione del conto… ad oggi su quel gruzzolo in mano a qualcun’altro non prendiamo interessi ma, anzi paghiamo bolli e fardelli vari che fanno sì che oltre alla svalutazione da inflazione ci rimettiamo le spese per far gestire i “nostri” soldi alla Banca. E’ un po’ paradossale ma è la realtà.
Qual’è l’alternativa: finora c’era solo una alternativa, mettere i soldi sotto il materasso e nessun guadagno ma anche nessuna spesa. Tutto questo fino ad ora…

…negli ultimi tempi è nato il bitcoin, grande invenzione ma, come spesso accade, brutta attuazione. L’idea originale era che l’entità “virtuale” (moneta) non fosse in mano alla banca ma a me stesso in forma di codice informatico, in termini semplici ognuno di noi può avere sul proprio PC un borsellino conservante la moneta. Quello che prima veniva delegato alla banca: la garanzia dell’esistenza della moneta, ora viene delegato al popolo di internet. Questo passaggio che sembra complesso in realtà è molto semplice e democratico, faccio un esempio: se pago con il bancomat, la banca garantisce che sia coperto il pagamento (ci siano i soldi sul conto) a meno che io non cerchi di fare una frode. Nel caso del bitcoin, la garanzia che il mio borsellino copra il mio acquisto è garantito dalle tante persone (che non conosco) che mantengono copia delle mie transazioni monetarie (in forma anonima). Quindi il mio venditore chiederà in giro se il mio pagamento è coperto… dopo il pagamento, tutti i detentori delle mie informazioni aggiorneranno le informazioni sul mio borsellino. Cosa interessante della gestione dei bitcoin è che i “minatori” (coloro che mantengono le informazioni degli altri) hanno diritto ad un rimborso spese per tenere acceso il PC e la sua accessibilità al mondo di correntisti.

Beh, perchè si sta demonizzando? Perchè si è preferito dare vita propria al bitcoin che non ha un’equivalenza con quanto conosciamo: lira, euro, dollaro, fisso ma speculativo. Questo ha deviato l’obiettivo iniziale in un ulteriore forma di speculazione in mano a persone senza nome e cognome, almeno oggi posso dare la colpa ai dirigenti di Monte Paschi o Carige se il mio conto è sfumato, cosa impossibile se il mio borsellino ha perso valore. Inoltre, ad oggi arriva la notizia della falla nella beffa: se muoio e nessuno sa la password del mio borsellino, non c’è eredità che tenga, nessuno potra accedere e riscattare i miei denari…

1 2 3 6