Proposta di Riforma Costituzionale

Oggi mi sento gasato al punto da arrogarmi a proporre una riforma costituzionale!

L’Articolo 56 della Costituzione recita (per la Camera dei Deputati):

La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto.

Il numero dei deputati è di seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero.

Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno compiuto i venticinque anni di età.

La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall’ultimo censimento generale della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.

lo lo riscriverei così:

La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto.

Il numero dei deputati si ottiene moltiplicando l’affluenza definitiva alle urne per seicentodiciotto, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti, oltre ai dodici deputati eletti nella circoscrizione Estero.

Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno compiuto i venticinque anni di età.

La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero di aventi diritto al voto della Repubblica, quale risulta dall’ultimo censimento generale della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti. 

Sono poche parole di differenza, sembrano tanto campate in aria? 

Senza guardare le ultime elezioni regionali in cui l’affluenza è stata di poco superiore al 50%, se analizziamo le ultime votazioni nazionali l’affluenza è stata del 72,93% per cui oggi avremmo 450 (+12) deputati con un notevole risparmio per le nostre tasche. Un passo indietro, nel 2013 l’affluenza è stata del 75,24%. 

E visto che ci sono, mi gonfio il petto e propongo anche la modifica della Legge n. 1261 del 31 ottobre 1965 “Determinazione dell’indennità spettante ai membri del Parlamento”, non la riporto tutta (chi vuole può trovarla sul sito del Senato della Repubblica: https://www.senato.it/1054), ma mi focalizzo su un numero nell’articolo 5:

L’indennità mensile prevista dall’art. 1 della presente legge, limitatamente ai quattro decimi del suo ammontare e detratti i contributi per la Cassa di previdenza dei parlamentari della Repubblica, è soggetta ad una imposta unica, sostitutiva di quelle di ricchezza mobile, complementare e relative addizionali, con aliquota globale pari al 16 per cento alla cui riscossione si provvede mediante ritenuta diretta. 

che mi sembra almeno iniqua, considerando che è ben al di sotto di qualunque aliquota applicata a qualsiasi italiano. 

W l’Italia

Domenica 24 marzo si vota per eleggere il Presidente della Regione Basilicata, un mese fa s’era votato in Sardegna ed un mese prima in Abruzzo.

Siamo in perenne campagna elettorale, un po’ come il campionato di Calcio le cui giornate di serie A che iniziano il venerdì e terminano il lunedì, ma tanto dal martedì al giovedì ci sono le Coppe.

Siamo in perenne campagna elettorale, sembriamo un Paese al Bar a commentare le partite passate ed a pronosticare quelle future… la cosa che mi turba è che sia i commenti che i pronostici son fatti con i nostri soldi, ne farei a meno o almeno desidererei che si concentrassero sui fatti: la disoccupazione è un fatto, l’inquinamento dei nostri mari è un fatto, l’esistenza della mafia è un fatto, l’esistenza della Ndrangheta è un fatto, che queste siano ormai ramificate in tutta Italia altro fatto!

Ma i commenti sono sempre sull’arbitro e sul comportamento del pubblico sugli spalti.

Qualche giorno fa una giornalista ha incalzato il vicepresidente Di Maio sul perché le spese a Palazzo Chigi fossero aumentate anziché diminuire come promesso in campagna elettorale, e lui come un Boy Scouts preso con le mani nella marmellata ha candidamente risposto: “perché ci sono due vicepresidenti”; l’altro vicepresidente (Salvini per chi non lo ricordasse) scrive sui social quali sono i suoi problemi : “parlare di famiglia suscita polemiche. Io non voglio togliere nulla a nessuno. Ritengo solo che utero in affitto e donne bancomat per sfornare figli non rappresentano il Futuro che ho in mente io.”

W l’Italia

C’ero cascato…

…anche io: all’arrivo della proposta del Governo di obbligare le radio a trasmettere una quota minima di musica italiana pari al 33% gridavo davanti alla TV “incompetenti”.

In realtà il fact checking mi ha svelato che gli esponenti del Governo hanno riciclato una proposta, era già Franceschini nel 2017 che proponeva la stessa cosa.

E quindi devo ritirare il mio commento veloce e ragionare un attimo: attualmente la media di musica italiana in radio è del 45% nella sua complessità, ovviamente ci sono radio che trasmettono il 100% di musica italiana e altre lo 0%. Questo è un fatto!

Perchè la proposta: ovviamente i detrattori dell’idea vedono un complotto nazionalista dietro le parole, i promotori giustificano l’idea con l’arricchimento del PIL italiano con l’assunzione: più musica = più lavoro.

Beh, questo è da verificare ed è qui che un analisi corretta andrebbe fatta. L’unica cosa che vedo aumentare certamente sono gli introiti della SIAE, per il resto ho tanti dubbi: viviamo un periodo in cui la musica percorre le autostrade digitali, ci sono i talent per scoprire nuovi cantanti. Sono nato nella patria della Musica Melodica e poche di quelle canzoni vanno sui circuiti nazionali, Napoli ha una propria realtà musicale in cui i cantanti non fanno soldi con i dischi (molti non esistono su Apple Music) ma con Matrimoni, Cresime, Battesimi ecc. C’è una bellissima puntata di PIF a riguardo…

Nella sua complessità, onestamente credo che la domanda e l’offerta si debbano incontrare naturalmente e non forzati. E’ più importante la buona musica che fa crescere generazioni di musicisti e queste non nascono per legge…

M5S al voto – post

Il voto popolare è ormai giunto: il 59% dei votanti sulla Piattaforma ha votato NO all’autorizzazione a procedere, su circa cinquantamila votanti trentamila hanno appunto indicato che Salvini ha agito correttamente. Quest’ultima ovviamente è una mia interpretazione perchè non c’era la domanda: “perchè?”

Leggendo i Social ho l’impressione che il Movimento si sia spezzato tanto quanto i votanti: 60 e 40 o giù di lì. Come dicevo ieri la base che si immedesima nel 40% degli aventi diritto il voto è arrabiata perchè si va contro uno dei principi fondamentali da cui il Movimento è stato fondato… per questi si è un po’ di fronte ad un incipit di Fattoria degli Animali.

Cosa succederà domani in commissione al Senato? I rappresentanti hanno già detto che seguiranno il voto popolare per cui non c’è molto da aspettarsi viste le espressioni di voto di cui leggevo ieri. Certo è che a leggere gli editoriali di oggi c’è un baratto in corso: vedremo cosa si scambia la TAV o l’autonomia regionale?

M5S al voto – pre

Scrivo in anticipo: oggi gli iscritti alla piattaforma Russeau stanno votando per dare ai Senatori del Movimento 5 Stelle le loro indicazioni, dal basso, sul dare o non dare l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini. Ovviamente, i passi istituzionali non prevedono tali consultazioni ma da domani si discuterà nella giunta del Senato e poi in Senato, appunto. Chiaramente la Giunta è una espressione ridotta delle proporzioni tra i senatori dei vari gruppi politici per cui ad oggi: Lega voterà No assieme a Forza Italia e Fratelli di Italia, il PD voterà Sì (almeno così dicono i suoi esponenti).
Comunque, non voglio fare l’indovino ma, altresì condividere il mio personale pensiero che qualunque sia il risultato c’è una perdita sostanziale per il Movimento stesso…

Vorrei tralasciare ma non possoi commenti sulla piattaforma informatica, che aimè condivido, fa acqua da tutte le parti: è impensabile che un movimento che si dica spostato in rete non possa dirsi sicuro del “mezzo”… e questo sta prestando il fianco a tutte le forze politiche che irridono tale procedura. Per chi non lo sapesse non parliamo del Blog di Beppe Grillo, ma di una piattaforma dove l’iscrizione passa attraverso la condivisione con i gestori della propria carta d’identità, quindi una falla informatica “teoricamente” mette a rischio i dati sensibili degli utenti.

Passando al quesito: Se vincerà il Sì, che vuol dire “non” autorizzare il procedimento penale nei confronti di Matteo Salvini il Movimento perderà sicuramente pezzi del proprio elettorato, quelli più duri e puri. Se vincerà il No, ossia autorizzare il procedimento gli scenari possibili son tanti e tutti cupi: i senatori potrebbero andare contro il voto “popolare” e credo sarebbe una catastrofe o confermarlo. E qui si andrebbe alla conta dei voti: PD e M5S teoricamente raggiungono la maggioranza dei senatori e potrebbe passare la richiesta della Procura di Catania ma… terrà la maggioranza? …Siamo a pochi mesi dalle politiche europee…

Rinnovo dei contratti agli Statali

Si preannuncia un autunno caldo, è questo quel che dicono i sindacati sul piede di guerra per il blocco degli aumenti dei dipendenti statali. Anzi dicono di peggio: “…pronti anche a sciopero generale…“, “…i contratti son fermi da sette anni…” e tanto altro.

Ma quel che mi ha fatto saltare dalla sedia estiva dell’ufficio è l’affermazione di Serena Sorrentino della CGIL: “…i rinnovi devono essere in linea con quelli dei privati che hanno visto una forchetta di incrementi tra i 90 e i 142 euro, come detto dalla Camusso non ci acconteremo di un caffè… ogni lavoratore pubblico ha perso dal 2008 una media di 220 – 230 euro lordi al mese…

Non vorrei alzar polemiche con la mia flebile voce ma cari dipendenti statali perchè non vi prendete anche le modifiche al contratto del lavoro degli ultimi anni del settore privato?

Non c’è più l’articolo 18, il contratto a tempo indeterminato è in realtà precario, ci sono ancora tanti contratti “fantasiosi” che servono solo a destabilizzare la vita… prendetevi anche questo! Dall’ultimo rinnovo del contratto metalmeccanico se fai più 5 assenze per malattia di pochi giorni ti abbassano lo stipendio e comunque non hai MAI la sicurezza del futuro… qualunque azienda grande o piccola “privata” rischia di chiudere domani.

Volete l’aumento? Leghiamolo in parte al merito e non intendo “rispondere almeno a 10 mail al giorno” come è emerso da alcuni uffici romani. Inviterei i volenterosi ad andare su qualche sito dei comuni di Italia (che grazie alla legge sulla trasparenza devono pubblicare tutto online), quelli ufficiali il cui sito è sempre www.comune.nomecomune.siglaprovincia.it e guardare i dati dell’OIV…

Greenpeace ci chiede aiuto…

Ciao Adriano,

Giovedì mattina un gruppo di nostri attivisti è entrato in azione a Milano, presso la sede della Siemens, per chiedere all’azienda di non partecipare al progetto di una mega-diga idroelettrica nel cuore della foresta amazzonica.

CHIEDI DI FERMARE LA MEGA-DIGA!

E’ un progetto che vogliamo fermare subito, perché avrebbe un impatto ambientale devastante, e perché rappresenta una minaccia per la sopravvivenza del popolo indigeno dei Munduruku, che vive da secoli lungo le sponde del fiume Tapajós

Referendum del 17 aprile

Le informazioni sul referendum di domenica sono poche e spesso mal poste… Non voglio criticare le persone che in TV sostengono il sì e il no, ma tutte ideologizzano il quesito: i sostenitori del sì sono ambientalisti che la menano sulle rinnovabili, il solare e l’eolico; chi sostiene il no spiega che viviamo di benzina e gas e senza questi non ci muoveremmo o ci riscalderemmo …Ma ci distolgono dal quesito referendario che come dicono gli spot è limitato ad una frase di un comma di un articolo di legge. Tutto il resto son frottole, non si ferma il petrolio come si fermo il nucleare!

L’oggetto del referendum sono solo le trivellazioni effettuate entro le 12 miglia marine (circa venti chilometri) o all’interno di oasi marine. Non sono quindi tutte le trivellazioni in mare o sul suolo nazionale, quelle in acque italiane sono 66 e quasi tutte soprattutto oltre le 12 miglia, e dunque fuori dal referendum.

Oggi non si possono fare nuove trivellazioni a meno di 12 miglia o nelle oasi, quindi il referendum si limita a 21 trivelle esistenti:

7 in Sicilia,

5 in Calabria,

3 in Puglia,

2 in Basilicata,

2 in Emilia Romagna,

1 nelle Marche,

1 in Veneto.

Nessun taglio al futuro energetico della Nazione.

Torniamo alle 21 trivellazioni: queste vengono effettuate da compagnie estrattive sulla base di una concessione che dura inizialmente 30 anni, poi prorogabile per due volte, cinque anni ciascuna. In totale: 40 anni. Più altri cinque possibili.

Ok e …Cosa succede dopo i 40/45 anni? 

Secondo la normativa vigente oggi scaduta la concessione finisce la trivellazione. Però, il Governo ha inserito nella legge di stabilità la frase che il referendum può abrogare, questa dice: “quando il periodo concesso finisce, l’attività può continuare fino a che il giacimento non si esaurisce.”

Quindi, i referendari chiedono che questa novità sia cancellata e si torni alla scadenza “naturale” delle concessioni. 

Spero che domenica chi voglia andare a votare lo faccia in maniera più consapevole.

Il 2o16 è arrivato…

…da un bel po’. Come ogni anno la fine e il principio sono carichi di aspettative: il cambio del calendario sul muro o sulla scrivania ci porta a essere speranzosi… Ma è così?

Beh, i fatti dimostrano che ci illudevamo e ci hanno illuso, purtroppo non è una cifra nella data che cambia l’ordine delle cose, “il Paese è in ripresa” disse il Presidente del Consiglio durante il discorso di fine anno! Ma ci vuole altro che belle parole piene d’ottimismo per tornare ad una crescita organica del Sistema Paese. 

Ci vogliono soldi che facciano da volano per l’economia, ma chi li mette in circolo?

Ci vogliono spese oculate e non a pioggia? Chiaramente il clientelismo lo teniamo in vita dando 650€ al mese ai lavoratori socialmente utili, ai dipendenti delle cooperative, ai forestali… Ma non otteniamo alcun guadagno in prospettiva per il futuro dei nostri figli… Ci vuole innovazione, un’università più attenta ai bisogni degli studenti che ai baronati dei professori, ci vuole organizzazione negli enti pubblici e velocità di adempiere ad un dovere: aiutare il cittadino ad usufruire dei servizi e obbligarlo a pagare le tasse.

Caro Presidente Renzi dove sei? 

Mi vien voglia di scrivere sui muri delle periferie di Italia: da Lampedusa a Librino, dallo Zen a Scampia, … “Qui lo Stato è Assente”

addizioni e sottrazioni

Le addizioni e le sottrazioni sono alla base della matematica dai tempi della antica Grecia.

Prima impariamo a contare e poi a sommare, fino a 10 con due mani ed usando le dita. Le alziamo per sommare e le abbassiamo per sottrarre.

Oggi non più! La matematica moderna è per sole sottrazioni…

…un crocifisso può offendere? Lo togliamo. Il Canto di Natale crea disparità? Lo facciamo a gennaio e lo trasformiamo in Canto d’Inverno. Fra un po’ aboliamo le festività? La maggior parte delle feste nazionali sono religiose: l’epifania, la Pasqua, ferragosto, l’otto dicembre, il Patrono della Città ed ovviamente Natale.

Tutto in virtù dell’accoglienza agli immigrati. Ma è giusto?

Non ho una risposta sicura ma mi chiedo: pur restando come caposaldo che lo Stato deve essere laico, non si sentirebbero più accolti se festeggiassimo anche il loro Dio? Che si chiami Jahweh, Allah o Dio c’è chi crede che parliamo dello stesso Creatore.

Credo che una scuola accogliente debba essere multi-culturale, non sterile e agnostica. I bimbi non hanno pregiudizi se non li inculchiamo loro. Sono molto più aperti di quel che credono i loro genitori, e poi cosa c’è di meglio di una festa per creare integrazione?

1 2 3