Vi piace il vostro TV?

Non affezionatevi troppo al vostro TV perché c’è il rischio (alto) di doverlo cambiare a breve ma non fatelo entro il 2016!

Eh sì, la Comunità Europea ha deciso di dedicare parte della banda a 700MHz al 5G, la telefonia di prossima generazione, e per farlo dobbiamo spostare altrove alcune emittenti TV, tra le quali Rai e Mediaset. E dunque…

…o si spengono un po di canali oppure si compattano nel minor spazio rimanente. Nel primo caso lo Stato dovrà pagare le penali a chi ha comprato le licenze e non se le vede garantite; nel secondo caso serve una nuova codifica: la DVBT-2!

Quando avverrà? Prima si parlava di 2022, ora di 2020 ma le compagnie telefoniche spingono per il 2018 per “drogare” il mercato che già oggi non accetta il 4G.

La codifica è sia trasmissiva che ricettiva: si devono adeguare le emittenti ma anche i TV, ma attenzione non esistono ancora nessun costruttore che vende TV con tali decoder e lo saranno solo da Giugno 2017!

Ora stasera controllate la temperatura del vostro TV, verificate che sia in salute e curatelo con cura… Adda passa a nuttata!

Referendum del 17 aprile

Le informazioni sul referendum di domenica sono poche e spesso mal poste… Non voglio criticare le persone che in TV sostengono il sì e il no, ma tutte ideologizzano il quesito: i sostenitori del sì sono ambientalisti che la menano sulle rinnovabili, il solare e l’eolico; chi sostiene il no spiega che viviamo di benzina e gas e senza questi non ci muoveremmo o ci riscalderemmo …Ma ci distolgono dal quesito referendario che come dicono gli spot è limitato ad una frase di un comma di un articolo di legge. Tutto il resto son frottole, non si ferma il petrolio come si fermo il nucleare!

L’oggetto del referendum sono solo le trivellazioni effettuate entro le 12 miglia marine (circa venti chilometri) o all’interno di oasi marine. Non sono quindi tutte le trivellazioni in mare o sul suolo nazionale, quelle in acque italiane sono 66 e quasi tutte soprattutto oltre le 12 miglia, e dunque fuori dal referendum.

Oggi non si possono fare nuove trivellazioni a meno di 12 miglia o nelle oasi, quindi il referendum si limita a 21 trivelle esistenti:

7 in Sicilia,

5 in Calabria,

3 in Puglia,

2 in Basilicata,

2 in Emilia Romagna,

1 nelle Marche,

1 in Veneto.

Nessun taglio al futuro energetico della Nazione.

Torniamo alle 21 trivellazioni: queste vengono effettuate da compagnie estrattive sulla base di una concessione che dura inizialmente 30 anni, poi prorogabile per due volte, cinque anni ciascuna. In totale: 40 anni. Più altri cinque possibili.

Ok e …Cosa succede dopo i 40/45 anni? 

Secondo la normativa vigente oggi scaduta la concessione finisce la trivellazione. Però, il Governo ha inserito nella legge di stabilità la frase che il referendum può abrogare, questa dice: “quando il periodo concesso finisce, l’attività può continuare fino a che il giacimento non si esaurisce.”

Quindi, i referendari chiedono che questa novità sia cancellata e si torni alla scadenza “naturale” delle concessioni. 

Spero che domenica chi voglia andare a votare lo faccia in maniera più consapevole.

La nuova bolletta #Enel

Tutti abbiamo ricevuto la nuova bolletta Enel, ma quanti l’hanno letta un po’ più che svogliatamente?

Io l’ho fatto e non per pignoleria ma perché stupito dell’aumento del 25% rispetto all’ultimo bimestre con gli stessi consumi, kilowattora più kilowattora meno. E cosa ho scoperto?

Leggendola nulla, era pubblicizzata come “bolletta semplice” ma in realtà è vuota e non spiega alcun dettaglio di spesa tranne che … Se vuoi maggiori dettagli trovi la bolletta dettagliata online. È come se vai al supermarket e trovi il messaggio: “prendi tutto quel che vuoi e vai alla cassa”, sugli scaffali non ci sono i prezzi… E arrivi alla cassa e la cassiera vi chiede 94€, guardi il carrello e guardi la cassiera che comprende la tua faccia stupita che con voce candida ti dice: “se vuole lo scontrino dettagliato vada su internet, si registri al nostro sito web e avrà tutti i dettagli”.

Il paragone regge bene perché online comprenderai che è cambiato una cosa semplice: è stata annullata la proporzionalità ed è stata istituita la uguaglianza, mentre prima piu consumavi più pagavi oggi paghi il kilowattora allo stesso prezzo qualsiasi consumo ne fai! Quindi tutte le bollette più basse , a partire da quelle dei pensionati, vedono un rincaro e quelle più alte vedranno un risparmio… Se la somma farà sempre lo stesso totale ho i miei dubbi…