Pari e dispari

Continua la mia aritmetica spicciola: ci hanno insegnato già dall’infanzia che i numeri interi si dividono in numeri pari (2, 4, 6, …) e dispari (1, 3, 5, …). Forse furono gli Egiziani ad introdurre il concetto di numerazione decimale ma i Greci li separano in numeri pari e dispari e da li si penso alla loro aritmetica…

Un numero pari sommato ad un altro numero pari darà un numero pari, ma …

Se sommo due numeri dispari non ottengo un numero dispari ma un numero pari!

Ci avete mai pensato? È una sorta di processo anti-entropico, è come se i numeri dispari fossero anarchici ma basta metterli assieme per creare un po’ d’ordine. Certo son sempre lì che provano a sparigliare il mazzo, come a scopa: chi riceve carte spariglia, chi da carte pariglia. Allo stesso modo se sommo un numero pari ad uno dispari vince quest’ultimo, ne basta uno in una lunga catena a guastare la festa…

Chiaro no?

La scuola ha provato ad insegnarcelo dall’asilo, quando ancora usavamo poco i numeri ma tutti indossavamo il grembiule, quella stoffa blu per i maschietti e bianca (ai miei tempi) per le femminucce era come il mazziere: rendeva tutti pari, non contavano le famiglie di provenienza, se eri ricco o povero… Si era tutti pari!

Rispondi