Finalmente una riforma scolastica giusta

Sono laureato in ingegneria, per poterlo dire ho superato 30 esami ed ho lasciato otto anni della mia vita sui libri. Gli anni migliori… quelli dei vent’anni!

Finalmente si porrà fine a tale sopruso: la legge in discussione alla camera propone un cambio epocale nel nostro sistema scolastico, all’inizio ero scettico perché sembrava l’ennesima dimostrazione di forza… infatti, ogni governo che ha preceduto l’attuale ha pensato bene di lasciare la propria impronta scrivendo una riforma scolastica, in realtà mi sbagliavo.

La riforma in discussione è rivoluzionaria: non sarà più il professore che giudicherà la mia preparazione ma entreranno in gioco anche i miei compagni di studio e gli amici e parenti, finalmente chi come me entrava nel panico per un esame, e non era in grado di dimostrare la propria preparazione il giorno degli esami, potrà chiedere aiuto a chi ha trascorso gli ultimi giorni sui libri assieme a me o mi ha visto applicato a studiare!

Finalmente la nostra preparazione potrà essere giudicata dai propri pari e non da un essere supremo e arrogato di un diritto.

Così i nostri figli, per me è tardi non mi riscriverò all’università, potranno non gettare al vento i migliori anni della propria vita solo per un arrogante professore radical-chic.

Ps vi sembra assurdo? È quello che ha appena dichiarato il Presidente della Rai per i giudizi del prossimo Sanremo: “la giuria di esperti non ha il diritto di ribaltare il voto popolare e giudicare…” da qui il passo è breve, ve l’assicuro… dategli tempo.

Rispondi