L’ITALIA DEI VINTI

Ieri [ndr all’indomani delle elezioni il centro sinistra sembrava avere una maggioranza schiacciante] mi ero lanciato euforico sugli exit-poll, mi cospargo il capo di cenere. Oggi la situazione si riassume con un titolo non apparso sui quotidiani: L’ITALIA DEI VINTI. Eh si’, si presenta un caso da prima repubblica, un Italia ingovernabile o quasi.

Una riflessione su tutto, la legge elettorale si e’ dimostrata per quel che si diceva: una mossa per far si’ che la sinistra vincitrice non potesse governare tranquillamente. Questo a gennaio, la campagna elettorale ha invece portato al ribaltamento delle parti, Prodi prima in vantaggio e’ passato in svantaggio negli ultimi giorni. Questo a dispetto dei sondaggi, che non intervistano coloro che “non vogliono rispondere ai sondaggi” e che per stessa ammissione di Berlusconi sono il suo elettorato. Come ha detto Follini la scorsa settimana: “la legge non garantira’ stabilita’ di governo”.

Ed ora? L’Italia ha la necessita’ di un governo stabile. Non credo in una grande coalizzazione come si e’ fatto in Germania, il ritorno al voto e’ improponibile perche’ si prospetta l’elezione del presidente della repubblica, l’attuale non puo’ sciogliere le camere.

Siamo tornati ai tempi della democrazia cristiana, ora ci sara’ l’acquista voti al senato… che tristezza.

Rispondi