C’ero cascato…

…anche io: all’arrivo della proposta del Governo di obbligare le radio a trasmettere una quota minima di musica italiana pari al 33% gridavo davanti alla TV “incompetenti”.

In realtà il fact checking mi ha svelato che gli esponenti del Governo hanno riciclato una proposta, era già Franceschini nel 2017 che proponeva la stessa cosa.

E quindi devo ritirare il mio commento veloce e ragionare un attimo: attualmente la media di musica italiana in radio è del 45% nella sua complessità, ovviamente ci sono radio che trasmettono il 100% di musica italiana e altre lo 0%. Questo è un fatto!

Perchè la proposta: ovviamente i detrattori dell’idea vedono un complotto nazionalista dietro le parole, i promotori giustificano l’idea con l’arricchimento del PIL italiano con l’assunzione: più musica = più lavoro.

Beh, questo è da verificare ed è qui che un analisi corretta andrebbe fatta. L’unica cosa che vedo aumentare certamente sono gli introiti della SIAE, per il resto ho tanti dubbi: viviamo un periodo in cui la musica percorre le autostrade digitali, ci sono i talent per scoprire nuovi cantanti. Sono nato nella patria della Musica Melodica e poche di quelle canzoni vanno sui circuiti nazionali, Napoli ha una propria realtà musicale in cui i cantanti non fanno soldi con i dischi (molti non esistono su Apple Music) ma con Matrimoni, Cresime, Battesimi ecc. C’è una bellissima puntata di PIF a riguardo…

Nella sua complessità, onestamente credo che la domanda e l’offerta si debbano incontrare naturalmente e non forzati. E’ più importante la buona musica che fa crescere generazioni di musicisti e queste non nascono per legge…

Rispondi