Ho la pelle d’oca…

…a leggere sui giornali che si generava un traffico di minori sottratti ai propri familiari con scariche elettriche e lavaggi del cervello.

Qualche tempo fa mi ero scontrato, è il termine corretto, con la serie PodCast Veleno di Pablo Trincia. Per chi non l’avesse ascoltata ed ha la forza di farlo la trova su:

https://podtail.com/podcast/veleno-repubblica-it/

si parlava di fatti di vent’anni fa, una tragedia che ha coinvolto tante persone, bambine e bambini in quella che credevo una tragedia dettata dal carrierismo o dalla codardia nell’ammettere i propri errori.

Invece è storia di questi giorni:

https://bologna.repubblica.it/cronaca/2019/06/27/news/reggio_emilia_falsi_documenti_per_allontanare_bambini_dalle_famiglie-229743324

che la storia si ripete, anzi si amplica perchè c’è un filo che unisce le due storie, anzi ci sono alcune persone che sono protagoniste delle due storie.

E mi chiedo: si può arrivare a tanto? Onestamente credo queste persone malvagie tanto quante i burattinai dei campi di concentramento… lì si annientavano le persone, si faceva in modo che diventassero automi, qui si creano false vite in vite fragili, la memoria è ciò che ci rende umani, è quella cosa che ci aiuta (o dovrebbe aiutare) a preservare la specie, se la deviamo e ne costruiamo una ad hoc per obiettivi infami … abbiamo raggiunto il fondo… del mare.

 

 

 

Rispondi