Casa dolce casa

“Aboliremo l’IMU” così tuono Berlusconi alla vigilia delle elezioni di qualche anno fa, poi la tassa sugli immobili si scorporó e ritorno…

Ed ora Renzi la vuole abolire nuovamente ed aggiunge “che ce vo’, bastano tre miliardi e mezzo”, ma i conti non tornano… O meglio la verità sta nel mezzo.

150916

Infatti, da questa tabella (dati 2012 del Governo Letta e pubblicata da lavoce . Info) si comprende chiaramente che abolire la tassa sulla prima casa al 100% dei proprietari costerebbe 12 miliardi, con 3,5 miliardi si copre il 51% delle famiglie, ossia coloro che hanno una rendita castale attorno ai 405€ (euro più euro meno).

Ad essere sincero abolire la tassa per tutti mi sembra iniqua, chi vive in 60mq ha sicuramente meno soldi di chi vive alla Reggia di Caserta, ma questo ragionamento lo farei dopo che son chiare le regole di ingaggio: si sceglierà una soglia dalle righe della tabella o ci sarà la detrazione di 200€ come fu qualche anno fa? Opzione che fa risparmiare tutti indistintamente…

 

Dentro la notizia 2/2

E mi viene il dubbio che la solidarietà tedesca sia dettata dall’interesse: e non penso solo al vile denaro ma anche all’aspetto demografico, attualmente la Germania è a natività zero.

Nelle mie considerazioni non può mancare la politica italiana, si discute della riforma costituzionale sul senato elettivo… È divertente ascoltare Berlusconi dire “andiamo nella direzione di una dittatura del PD”, lo stesso senato era nel patto del nazareno e ancor prima nella sua riforma costituzionale bocciata dagli italiani. Per non dire che “il governo non ha alcun potere in Italia, con il bicameralismo si impiegano in media 600 giorni per promulgare una legge” lo diceva Mister B non più di tre anni fa!

Ma sembra che non lo ricordi nessuno!

Chiudo provando a fare l’indovino: la prossima notizia di cui vedremo solo la “spuma”: la Sicilia ha tre mesi per spendere i soldi del piano 2011-2015 della comunità europea, se non li spende saranno persi. Una mega task force si metterà all’opera per non sprecare un centesimo di questo prezioso denaro… Ma nessuno ci dirà come verranno spesi questi soldi (nostri), solo che ne avremo speso il 90%…

…la mia sfera di cristallo dice che si spenderanno per stabilizzare i precari della regione, aumentando il buco di bilancio creato a Palermo e, finiti i soldi pagheremo noi tutti nei prossimi anni. Seppure la commissione europea chieda spese per infrastrutture e per la creazione di nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, la regione li userà per la stabilizzazione…

…in effetti rileggendomi non fa una piega, uno “stabilizzato” è a tempo indeterminato.

Crocetta hai ragione ed io ho torto a pensar male del tuo operato.

L’ITALIA DEI VINTI

Ieri [ndr all’indomani delle elezioni il centro sinistra sembrava avere una maggioranza schiacciante] mi ero lanciato euforico sugli exit-poll, mi cospargo il capo di cenere. Oggi la situazione si riassume con un titolo non apparso sui quotidiani: L’ITALIA DEI VINTI. Eh si’, si presenta un caso da prima repubblica, un Italia ingovernabile o quasi.

Una riflessione su tutto, la legge elettorale si e’ dimostrata per quel che si diceva: una mossa per far si’ che la sinistra vincitrice non potesse governare tranquillamente. Questo a gennaio, la campagna elettorale ha invece portato al ribaltamento delle parti, Prodi prima in vantaggio e’ passato in svantaggio negli ultimi giorni. Questo a dispetto dei sondaggi, che non intervistano coloro che “non vogliono rispondere ai sondaggi” e che per stessa ammissione di Berlusconi sono il suo elettorato. Come ha detto Follini la scorsa settimana: “la legge non garantira’ stabilita’ di governo”.

Ed ora? L’Italia ha la necessita’ di un governo stabile. Non credo in una grande coalizzazione come si e’ fatto in Germania, il ritorno al voto e’ improponibile perche’ si prospetta l’elezione del presidente della repubblica, l’attuale non puo’ sciogliere le camere.

Siamo tornati ai tempi della democrazia cristiana, ora ci sara’ l’acquista voti al senato… che tristezza.

Berlusconi lascia il Congresso nel dubbio

Buon Giorno a Tutti, penso che tutti voi avete ascoltato Dorian Gray [ndr nome in codice di Silvio Berlusconi visto il suo perenne aspetto fisico] delirante alla riunione di Confindustria, siamo alla frutta? Beh, vorrei fare un passo indietro per mostrarvi quanto la gran cassa mediatica distorce l’informazione.

Ricordate il discorso di Dorian Gray al Congresso degli USA? In Italia se ne è parlato molto, addirittura il telegiornale indipendente della rete indipendente Canale 5 gli dedicò uno speciale in diretta. Alla fine del discorso si vede una standing ovation ma è vera? Quanti deputati hanno assistito a quel discorso, e se era in Italiano cosa hanno capito? Negli Stati Uniti come è stato giudicata tale visita?
Se volete leggete la traduzione in italiano dell’articolo del Daily Nightly:
———-
Il primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha fatto la maggior parte del suo discorso, mercoledì al Congresso, in italiano – una decisione che ha lasciato come al buio i membri del congresso che si erano presentati per ascoltare.

Poiché nessuno qui al Campidoglio aveva saputo, fino all’ultimo minuto, che Berlusconi non avrebbe parlato in inglese, non erano stati convocati interpreti per la traduzione audio simultanea. Questo significa che i relativamente pochi membri del Congresso che hanno assistito al discorso non avrebbero goduto del beneficio di quei piccoli auricolari che li aiutassero a capire che cosa si stava dicendo, a meno che, naturalmente, “capisce Italiano”. Sono stati provvisti, comunque, di una traduzione scritta in inglese per aiutarli a cercare di seguire il discorso.

Tipicamente, a questi discorsi dei dignitari stranieri ad una riunione congiunta del Congresso, partecipano scarsamente i nostri rappresentanti e senatori eletti, e il discorso di oggi non ha fatto eccezione. Un commesso della Camera che era nell’aula ha valutato che c’erano circa 100 membri del Congresso presenti, dei 533 attualmente in servizio. Guardate attentamente le inquadrature a campo largo stasera, quando vi precipiterete a casa per guardare la replica su C-Span, e vedrete un esercito di fattorini con le guance rosse in vestito blu e di dipendenti in tirocinio della Camera che riempiono le file posteriori dell’aula. I funzionari della Camera li mettono là per evitare l’imbarazzo internazionale di far vedere un’aula per la maggior parte vuota.

Alla domanda, “Quando il primo ministro ha preso la decisione di fare il suo discorso in italiano?”, un’addetta alla stampa dell’ambasciata italiana ha risposto, scrollando le spalle: “Soltanto Dio in persona sa la risposta”.

Ma, come la produttrice della NBC Deb Pettit fa notare, alla conclusione del suo discorso Berlusconi ha parlato in inglese, raccontando con emozione l’episodio di un padre che racconta al ragazzo dei coraggiosi soldati venuti da oltremare a portare la pace durante la seconda guerra mondiale. “Quel padre era mio padre e io sono il ragazzo… Non ho mai dimenticato i sacrifici… e mai li dimentichero'” ha detto il primo ministro italiano.

Sentendo e capendo questo, i membri del Congresso che erano presenti si sono alzati in piedi ed hanno applaudito.
Traduzione di Diego Frare, tratto da: http://dailynightly.msnbc.com/2006/03/berlusconi_leav.html

[ndr è ancora attivo]
————–
Per aggiungere un altro spunto di riflessione: il Corriere riporta che contemporaneamente al premier a Vicenza sono entrate circa 250 persone che si sono mischiate tra il pubblico, era queste le persone che applaudivano durante il suo discorso? Erano loro i formanti “la base” di imprenditori che si rivolta contro la confindustria?

CONFRONTING THE EVIDENCE

La rabbia e lo sgomento crebbe quando vidi il film di Michael Moore sull’undici settembre: Fahreneit 9/11. Iersera è tornata la stessa rabbia, la stessa indignazione per questo mondo di merda in cui i quattrini comandano sulla ragione.
Facevo zapping alla ricerca di un canale televisivo dove non apparisse il faccione sorridente del nano. E mi sono imbattuto con “Confronting the evidence” su Arcoiris.TV. (ndr ma che fine ha fatto?)
Un’eccezionale inchiesta proposta e finanziata da Jimmy Walter, un’individuo che ha dato il suo tempo, le sue ricerche e i suoi soldi per lavorare in una positiva e significativa causa: rimettere in discussione tutto quello che si sapeva, o si pensava di sapere, sui tragici eventi dell’11 settembre 2001. Questo documentario, solo sottotitolato in italiano, getta una nuova luce sui drammatici eventi che sono seguiti a quel drammatico giorno e pone nuove ma evidenti domande a cui le fonti ufficiali e i media non hanno mai prestato troppa attenzione.

Ci sono dei giornalisti, degli scrittori, dei politici e degli scienzati in un teatro. Usano materiale audiovisivi e in maniera impressionante forniscono dati ed informazioni, senza dare risposte (per volonta degli autori), vuole porre soltanto domande, vuole far capire quante siano state le mancanze e quanto la commissione di inchiesta 9/11 sia stata una ignobile sceneggiata.

E’ terribile pensare alla modalità strana con cui le torri son cadute, come se ci fosse dell’esplosivo nelle cantine. Come crollano tutti i palazzi distrutti in modo controllato, nessuna flessione laterale per un palazzo altissimo… Quell’11 settembre erano in corso quattro simulazioni di dirottamento aereo, e due terzi dell’aeronautica militare US era impegnato in queste esercitazioni. Che coincidenza? L’acciaio alla base della struttura delle torri è stato distrutto, che si volesse coprire qualcosa? Le TV di tutto il mondo hanno fornito un elenco di 19 dirottatori, ma come mai 6 di essi sono ancora vivi? Quanti sanno che c’era una terza torre, il cosiddetto Building 7? E il pentagono, è stato veramente attaccato? Si parla della migliore contraerea automatica in quell’edificio, ma un Boing 757 ha comunque colpito una sua ala? Ma non esiste una immagine di tale aereo nella fiancata dell’edificio in nessuna delle foto scattate circa 30 minuti dopo l’impatto (ipotetico?). Un 757 pesa 60 tonnelate, è l’argo 129 piedi e alto 50.

Cosa c’è di più frustante di andare a letto senza risposte? Forse l’ultimo dubbio del documentario… un giornalista ha sollevato l’ipotesi che dietro l’attacco alla scuola in Cecenia ci sia la CIA che guadagnerebbe dallo scissionismo del ex-URSS. Si troverebbe a trattare con entità più piccole e maggiormente “manipolabili”. Eccheccazzo è meglio spegnere la TV e pensare che era meglio se mi assuppavo il nano e le sue stronzate su Retequattro.

Sondaggio di fine anno: 3 italiani su 4 vedono un 2006 nero

Un popolo di pessimisti a dispetto del premier, gli italiani uno su tre pensa che il 2006 sarà peggiore del 2005. Mentre nel mondo i più ottimisti si confermano ancora una volta gli asiatici. È quanto emerge dal tradizionale sondaggio di fine anno condotto in Italia dalla Doxa e dagli altri istituti dell’associazione Gallup International negli altri paesi del mondo. Il campione mondiale è fatto da 60.000 cittadini interpellati in 70 paesi. E gli italiani si confermano, dal 2002, tra quelli con aspettative più negative per l’anno che viene. Un anno tinto in nero sia dal punto di vista personale che per le attese di altri conflitti nel mondo, ma soprattutto nero per l’economia.

Nel Belpaese solo poco più di un cittadino su 4 (il 27%) prevede per la propria situazione personale un 2006 migliore di quest’anno. Il 32% degli intervistati, invece, si attende un anno peggiore e il restante 41% non prevede cambiamenti.

Ancora più pessimistiche sono le previsioni economiche e per la disoccupazione: per il 2006 solo il 9% degli italiani si attende una prosperità economica contro ben il 39% che prevede difficoltà. Del resto – e questo non è un sondaggio ma un dato del centro studi degli artigiani di Mestre in Italia una pensione su due non supera la soglia dei 500 euro al mese, sempre a dispetto di ciò che dice il premier in tv.
Anche per la disoccupazione, il pessimismo è dilagante, anche se con una leggera correzione rispetto all’anno scorso.
Quelli che prevedono un aumento dei senza lavoro sono il 54% e gli ottimisti che si attendono invece una diminuzione della disoccupazione sono appena il 12%, lo scorso anno i pessimisti erano il 58%, gli ottimisti il 9%. E sempre in tema di lavoro si aggravano poi anche i segni di scarsa tranquillità: anche se il 58% degli italiani considera infatti sicuro il proprio lavoro, il 32% (contro il 24% dello scorso anno) è convinto di essere esposto al rischio di disoccupazione e addirittura il 65% degli intervistati è convinto che, nel caso si trovasse senza lavoro, andrebbe incontro a tempi lunghi e a difficoltà a trovare subito un nuovo lavoro.

Quanto infine alle previsioni per i conflitti sindacali, che normalmente fanno registrare il maggior saldo negativo (prevalenza di pessimisti sugli ottimisti), il 45% degli italiani prevedono che nel 2006 le vertenze sindacali aumenteranno e solo il 7% si attende che diminuiranno. Risultato, questo, che tuttavia è il meno negativo degli ultimi anni visto che dal 2002 al 2004 lo scarto negativo raggiungeva o superava -45: pessimisti attorno al 50% e ottimisti al 5%.

Nel resto del mondo, gli asiatici sono i più ottimisti seguiti da africani, americani e abitanti del Medio Oriente, mentre gli europei, sia occidentali che dell’est, sono quelli che vedono più nero.

In Asia, oltre la metà della popolazione (il 54%) si attende un 2006 migliore del 2005 e solo il 16% lo prevede peggiore. In particolare in Cina 75% degli abitanti sono ottimisti contro appena il 5% di pessimisti, mentre in India i due gruppi si dividono tra il 61 e il 15%. Ottimisti e pessimisti sono poi il 52% e il 21% in Africa, il 51% e il 26% in America e il 47% e 20% in Medio Oriente il sondaggio è stato condotto per la prima volta anche in Iraq dove si sono registrati 49% di ottimisti e 11% di pessimisti.

Quelli che vedono meno rosa di tutti sono gli europei: nell’Europa occidentale gli ottimisti sono il 33% e i pessimisti pochi di meno (29%), in quella dell’Est sono meno numerosi gli ottimisti (29%) ma anche i pessimisti (23%).

Negli Stati Uniti in un altro recentissimo sondaggio Gallup per Cnn e Usa Today risulta che meno della metà degli americani ha un’opinione favorevole del presidente Bush, il quale resta però in cima alla graduatoria dei personaggi più amati, superato per altro dalla moglie Laura. La donna più ammirata negli Stati Uniti risulta essere l’ex first lady e oggi senatrice democratica di New York Hillary Clinton.