Bandiera Rossa

“Avanti popolo alla riscossa, bandiera rossa trionferà”

Ve lo ricordate questo ritornello? Sono a 12 ore di volo da Roma, a Shanghai, e qui le bandiere rosse sventolano un po’ ovunque. Che il sogno comunista dei secoli scorsi sia qui?

Non ho una risposta, in meno di una settimana non mi posso arrogare il diritto di aver capito la Cina, al massimo posso fare qualche riflessione al vento…

Shanghai conta 26milioni di abitanti, è considerata (fonte Wikipedia) la più cosmopolita delle città cinesi, qui vivono tanti immigrati europei, americani, russi ebrei e coreani. Ho passeggiato in diverse parti della città ed ho sicuramente tre impressioni: una parità tra uomo e donna più forte che in Italia; la città molto pulita e apparentemente sicura, considerato che appunto parliamo di 26 milioni di abitanti. In una settimana ho incontrato tanti poliziotti ma tutti non armati, o comunque senza la pistola a vista, cosa molto frequente in Europa. Inoltre ho incontrato solo tre mendicanti, non è una misura questa ma forse è il classico sintomo che ci fa sentire poco bene!?. Terza cosa: una alta efficienza, non che lo siano le singole persone ma il loro insieme. Si ha davvero l’idea che qui abbiano una marcia in più: costruiscono ad ogni isolato una metropolitana nuova, un ponte, un giardino. Eh si, qui ho trovato molti più giardini di quanti mi aspettavo, una cura del verde maniacale, parchi pubblici dedicati a bambini e anziani. Sembra tutto in ascesa, ieri ho visitato i Giardini di Yu Garden dove c’è una rappresentazione della Cina del 1800-1850; tutto molto affascinante ma se paragonato all’Europa dello stesso periodo sembra medioevo.

Su alcuni muri ho anche visto messaggi iconografici di propaganda, forse non capisco il senso delle figure!

C’è qualcosa che storpia, qualcosa che non va: vedi tutti attaccati al cellulare e una marea di telecamere, in ogni angolo, magari sono spente ma hai l’impressione che sei sotto osservazione, e questo nonostante il senso di sicurezza che ho provato in giro. Per quanto riguarda l’uso del cellulare Si ha l’impressione che sia estremizzato, forse ci arriveremo anche in Italia: in alcuni incroci i semafori pedonali sono riportati a terra a fianco le strisce pedonali.

Certo qui non puoi usare Google, nè Whatapp, la chat più utilizzata “wechat” che gestisce la vita dei cinesi, ognuno ha in pratica un codice a barre, e basta scannerizzare quello di un altro per entrare in contatto, pagare il taxi o il pranzo. Anche le aziende lo usano perché è la somma di Facebook, Whatapp e i sistemi di pagamento. Comodissimo, peccato che il banner per la privacy che compare all’inizio dica quasi chiaramente che vi stai rinunciando, alla privacy intendo.

Giusto? Non lo so, come ho detto: in una settimana non ho capito alcunché. Ma la domanda più importante: è questo il comunismo? In un parco trovi la statua di Marx sorridente come se fosse stato raggiunto il suo disegno, in realtà io ho visto tanto capitalismo. Tutti i Mall di Nanjing Road hanno marche quali Prada, Valentino, Chanel, … tutti i marchi high level che conosco.

È palese che ci sono persone più agiate e persone che lavorano 20 ore al giorno, chi si permette il lusso di comprare vestiti italiani e chi tira a campare… senza che questa crei estremo malcontento. O non ho capito nulla!?

È chiara una gestione decisionale della macchina pubblica: il livello di occupazione sembra altissimo, e qui dicono che la scuola di Shanghai è tra le migliori al mondo.