Sondaggio di fine anno: 3 italiani su 4 vedono un 2006 nero

Un popolo di pessimisti a dispetto del premier, gli italiani uno su tre pensa che il 2006 sarà peggiore del 2005. Mentre nel mondo i più ottimisti si confermano ancora una volta gli asiatici. È quanto emerge dal tradizionale sondaggio di fine anno condotto in Italia dalla Doxa e dagli altri istituti dell’associazione Gallup International negli altri paesi del mondo. Il campione mondiale è fatto da 60.000 cittadini interpellati in 70 paesi. E gli italiani si confermano, dal 2002, tra quelli con aspettative più negative per l’anno che viene. Un anno tinto in nero sia dal punto di vista personale che per le attese di altri conflitti nel mondo, ma soprattutto nero per l’economia.

Nel Belpaese solo poco più di un cittadino su 4 (il 27%) prevede per la propria situazione personale un 2006 migliore di quest’anno. Il 32% degli intervistati, invece, si attende un anno peggiore e il restante 41% non prevede cambiamenti.

Ancora più pessimistiche sono le previsioni economiche e per la disoccupazione: per il 2006 solo il 9% degli italiani si attende una prosperità economica contro ben il 39% che prevede difficoltà. Del resto – e questo non è un sondaggio ma un dato del centro studi degli artigiani di Mestre in Italia una pensione su due non supera la soglia dei 500 euro al mese, sempre a dispetto di ciò che dice il premier in tv.
Anche per la disoccupazione, il pessimismo è dilagante, anche se con una leggera correzione rispetto all’anno scorso.
Quelli che prevedono un aumento dei senza lavoro sono il 54% e gli ottimisti che si attendono invece una diminuzione della disoccupazione sono appena il 12%, lo scorso anno i pessimisti erano il 58%, gli ottimisti il 9%. E sempre in tema di lavoro si aggravano poi anche i segni di scarsa tranquillità: anche se il 58% degli italiani considera infatti sicuro il proprio lavoro, il 32% (contro il 24% dello scorso anno) è convinto di essere esposto al rischio di disoccupazione e addirittura il 65% degli intervistati è convinto che, nel caso si trovasse senza lavoro, andrebbe incontro a tempi lunghi e a difficoltà a trovare subito un nuovo lavoro.

Quanto infine alle previsioni per i conflitti sindacali, che normalmente fanno registrare il maggior saldo negativo (prevalenza di pessimisti sugli ottimisti), il 45% degli italiani prevedono che nel 2006 le vertenze sindacali aumenteranno e solo il 7% si attende che diminuiranno. Risultato, questo, che tuttavia è il meno negativo degli ultimi anni visto che dal 2002 al 2004 lo scarto negativo raggiungeva o superava -45: pessimisti attorno al 50% e ottimisti al 5%.

Nel resto del mondo, gli asiatici sono i più ottimisti seguiti da africani, americani e abitanti del Medio Oriente, mentre gli europei, sia occidentali che dell’est, sono quelli che vedono più nero.

In Asia, oltre la metà della popolazione (il 54%) si attende un 2006 migliore del 2005 e solo il 16% lo prevede peggiore. In particolare in Cina 75% degli abitanti sono ottimisti contro appena il 5% di pessimisti, mentre in India i due gruppi si dividono tra il 61 e il 15%. Ottimisti e pessimisti sono poi il 52% e il 21% in Africa, il 51% e il 26% in America e il 47% e 20% in Medio Oriente il sondaggio è stato condotto per la prima volta anche in Iraq dove si sono registrati 49% di ottimisti e 11% di pessimisti.

Quelli che vedono meno rosa di tutti sono gli europei: nell’Europa occidentale gli ottimisti sono il 33% e i pessimisti pochi di meno (29%), in quella dell’Est sono meno numerosi gli ottimisti (29%) ma anche i pessimisti (23%).

Negli Stati Uniti in un altro recentissimo sondaggio Gallup per Cnn e Usa Today risulta che meno della metà degli americani ha un’opinione favorevole del presidente Bush, il quale resta però in cima alla graduatoria dei personaggi più amati, superato per altro dalla moglie Laura. La donna più ammirata negli Stati Uniti risulta essere l’ex first lady e oggi senatrice democratica di New York Hillary Clinton.