Guarda l’occhio…

…per vedere se è fresco devi guardare l’occhio, se poi non ti vede nessuno toccagli pure la pancia… se è molla… nun è buono!

(Consigli di Mamma)

Ieri sera stavo guardando #PropagandaLive ma già alle undici meno un quarto la palpebra calava, prima di spegnere ho fatto un po’ di Zapping… 7…6…5…4…3…2 wow c’è Bennato che parla di Bagnoli ma ho sonno… 1!

Berlusconi intervistato da Vespa!

Eh dai ascolto l’intervista…

Beh intervista è un eufemismo, era una videochiamata ma non nel senso moderno del termine ma in quello giornalistico: era chiaro che le domande erano concordate perché a veder bene, Berlusconi cercava un foglio ad ogni nuova domanda, ma non dopo che la domanda è stata posta, come si farebbe con degli appunti ma prima… Vespa non aveva il tempo di formulare la domanda che già lui cercava il foglio e se lo piazzava davanti.

Videochiamata interessante direi! Silvio afferma che lui andrà a Bruxelles per lavorare al Parlamento Europeo, e mi chiedo l’hanno informato bene i suoi consiglieri?

A Bruxelles c’è l’estradizione e soprattutto assieme ai cavoletti, il piatto tipico è Cozze e Patatine. Capisco che s’è fermato su quest’ultime, ma l’associazione con le Cozze è a delinquere qualunque significato gli vuoi dare!

Poiché è complesso ricordare quanto ha detto e, come detto, avevo sonno mi affido a “il Giornale” per riportare le sue parole e non essere accusato di essere annoverato tra quelli che travisa o trasforma:

“Non vedo motivazioni sufficienti perché Salvini tenga ancora in vita questo governo. Urta contro il buonsenso, la ragione e la sua convenienza”, ha detto, garantendo però di non voler entrare a Palazzo Chigi: “Forse la mia preparazione culturale, l’essere stato per ben tre volte l’unico uomo al mondo a presiedere il G8, il mio successo in politica internazionale, mettono in soggezione questi leader che non hanno una preparazione che può confrontarsi alla mia e quindi io prometto che non sarò seduto al tavolo con loro a fare pesare la mia esperienza

…modesto eh…

 “Per quanto riguarda Forza Italia, ho già convocato un Ufficio di presidenza per analizzare il risultato elettorale e per avviare un percorso di rinnovamento condiviso” ha aggiunto: “Noi abbiamo in questi anni visto emergere nelle nostre fila personaggi di qualità, con una forte esperienza professionale. Ho detto che lavorerò in Europa, non mi sottrarrò a essere il principale punto di riferimento, ma giovedì avremo un comitato di presidenza che comincerà a stendere un programma per una guida collettiva”.

Nuzzo avrebbe detto: “Cosa avrà voluto dire?”

Ma io troppo assonnato ho spento.. l’occhio; e mi sono girato sulla pancia!

Hanno vinto Tutti…

…meno Uno!

Sto parlando dei Partiti Italiani, dei loro Segretari e dei loro elettori, ovviamente chi non ride oggi è Luigi Di Maio e i 5Stelle. Cerata de La7 dice: “…è la prima volta che non ci sono dichiarazioni, nessuno del Movimento incontra i giornalisti…”. La dice lunga.

Onore ai vincitori dunque! Premesso che quasi un’italiano su due non si è recato alle urne, contro tendenza rispetto al resto d’Europa dove si è segnato il record d’affluenza alle urne. Comunque, sicuramente complimenti a Salvini che in un anno ha raddoppiato i voti della Lega, Si dice “invertendo gli equilibri all’interno della maggioranza di Governo” … si dice… beh, son sempre convinto che l’Italia è una Repubblica Parlamentare e i numeri lì sono quelli dell’anno scorso a meno di trasfusioni… ma sono solo mie considerazioni. Sebbene Salvini ha annunciato che non chiederà poltrone e si andrà avanti a testa bassa “perché ci aspettano tempi duri”, son convinto che un mini-terremoto ci sarà ma piccolo e sotterraneo. Perché?

Beh, stando a questi voti il Centro Destra formato da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia si potrebbe presentare alle urne e vincere o forse stravincere… ma Salvini si troverebbe a governare con due forze politiche anziché una, inoltre ha già preso le misure ai 5 Stelle! Infine, la “ricrescita” del Cavaliere che ha portato Forza Italia dal 4% di molti sondaggi pre-ricovero di Aprile al 9% di oggi mostra che come si è sempre detto: “mai darlo per morto (politicamente)”!

Un’altra considerazione sul “ci aspettano tempi duri”: Salvini sa che la maggioranza Europea resta l’attuale con PPE e PSE, anche se questi due partiti da soli non raggiungono il 50% e anche se Horban lasciasse il Partito Popolare Europeo per confluire nel Partito dei Sovranisti, anzi questo sposterebbe l’asse sul Partito dei Socialisti Europei. Quindi la sperata morbidezza sullo sforamento del 3% sarà difficile da ottenere con l’alta probabilità che o si congelano alcune parti del Contratto come “Flat Tax” o aumenterà l’IVA. Per cui meglio mettere le mani avanti e continuare ad essere in campagna elettorale perenne… e qui i miei complimenti per la tempra.

E il resto dei Partiti?

Beh, Zingaretti era radioso in TV, il 24% sembrava insperato, ma il PD è solo! La sinistra è sempre più un ricordo di un tempo che fu, come sicuramente il 40% di Renzi alle scorse Europee. Ma è un buon inizio dice lui, speriamo che il silenzio elettorale del PD continui (cito Crozza) che è forse il motivo della risalita, “meglio star zitti e far credere di essere cretini che parlare e darne certezza” diceva il mio Capo.

Poi sicuramente c’è la Meloni e Fratelli di Italia in forte ascesa, qui onestamente ho poco da dire… onestamente non so se qui ci sia la pancia vuota degli italiani che provano a pescare le zucchine del diametro che ci impone Bruxelles o ci sia qualcosa di profondo, senza offesa Giorgia… chi ha votato FdI ha votato te, non un programma o dei candidati!

C’è anche Forza Italia e Berlusconi, i quali sono riusciti a parare il colpo. Sono più vicini al fatidico 10% che al 5%, tra queste due cifre si giocava la consistenza del Partito a dire di Tajani. E qui può giocare Salvini… portare il Governo per almeno altri due anni può aprire una porta al pensionamento mediatico del Cavaliere, senza il quale non vedo grande futuro… e immagino nuove sparizioni, come Bondi, Cicchitto, …

Infine, gli sconfitti: c’era da immaginarlo. Troppe promesse e troppe aspettative per questa Italia che non si è scrollata di dosso il ventennio, forse la nostra storia ci ha plasmato a non avere storia, forse “la storia non siamo Noi” (nego la Mannoia) ma siamo un popolo che ama delegare all’altro: a Napoli si dice “ce sta chi ce penza” per dire che non è un problema mio, se butto una carta a terra c’è uno spazzino, se si fulmina una lampada per strada o c’è un incendio ci sarà sempre qualcuno che ha fatto la segnalazione… perché lo devo fare io?

In questa Italia un Movimento che si dice di partire dal basso ha mostrato tutte le debolezze rispetto al leone Salvini e alla difficoltà oggettiva di fare le cose, al VaffaDay non è seguito un PropostaDay. Le promesse fatte a Taranto sono un simbolo! È facile dire: “l’Ilva o si bonifica o si chiude”, quando ci si scontra con i veri interessi si è costretti a venire a patti, a prolungare l’impunibilità di chi avvelena e ammazza le persone. E poi caro Di Maio sei il Ministro del Lavoro ed è quello su cui devi lavorare! L’assistenzialismo deve essere una parentesi, non può durare una vita! Capisco che rafforza la pigrizia sia fisica che mentale… ed è quel che si vuole…

Questa pigrizia ci sta portando ad un nuovo fascismo? Ancora non lo so o spero di no, sicuramente si rafforza quel ‘fascina-tismo’ che ha introdotto il nuovo millennio che porta a seguire quel che crediamo un Leader carismatico e che sui Social fa chiamare Salvini “il Capitano” come una parabola calcistica più che marittima. Tanto l’importante è accusare l’avversario di far fallo per trovare giustificazioni al non fatto e su questo il “Capitano” inizia a scrivere libri… e quando termina, si venderanno! Non come l’attuale!

Bandiera Rossa

“Avanti popolo alla riscossa, bandiera rossa trionferà”

Ve lo ricordate questo ritornello? Sono a 12 ore di volo da Roma, a Shanghai, e qui le bandiere rosse sventolano un po’ ovunque. Che il sogno comunista dei secoli scorsi sia qui?

Non ho una risposta, in meno di una settimana non mi posso arrogare il diritto di aver capito la Cina, al massimo posso fare qualche riflessione al vento…

Shanghai conta 26milioni di abitanti, è considerata (fonte Wikipedia) la più cosmopolita delle città cinesi, qui vivono tanti immigrati europei, americani, russi ebrei e coreani. Ho passeggiato in diverse parti della città ed ho sicuramente tre impressioni: una parità tra uomo e donna più forte che in Italia; la città molto pulita e apparentemente sicura, considerato che appunto parliamo di 26 milioni di abitanti. In una settimana ho incontrato tanti poliziotti ma tutti non armati, o comunque senza la pistola a vista, cosa molto frequente in Europa. Inoltre ho incontrato solo tre mendicanti, non è una misura questa ma forse è il classico sintomo che ci fa sentire poco bene!?. Terza cosa: una alta efficienza, non che lo siano le singole persone ma il loro insieme. Si ha davvero l’idea che qui abbiano una marcia in più: costruiscono ad ogni isolato una metropolitana nuova, un ponte, un giardino. Eh si, qui ho trovato molti più giardini di quanti mi aspettavo, una cura del verde maniacale, parchi pubblici dedicati a bambini e anziani. Sembra tutto in ascesa, ieri ho visitato i Giardini di Yu Garden dove c’è una rappresentazione della Cina del 1800-1850; tutto molto affascinante ma se paragonato all’Europa dello stesso periodo sembra medioevo.

Su alcuni muri ho anche visto messaggi iconografici di propaganda, forse non capisco il senso delle figure!

C’è qualcosa che storpia, qualcosa che non va: vedi tutti attaccati al cellulare e una marea di telecamere, in ogni angolo, magari sono spente ma hai l’impressione che sei sotto osservazione, e questo nonostante il senso di sicurezza che ho provato in giro. Per quanto riguarda l’uso del cellulare Si ha l’impressione che sia estremizzato, forse ci arriveremo anche in Italia: in alcuni incroci i semafori pedonali sono riportati a terra a fianco le strisce pedonali.

Certo qui non puoi usare Google, nè Whatapp, la chat più utilizzata “wechat” che gestisce la vita dei cinesi, ognuno ha in pratica un codice a barre, e basta scannerizzare quello di un altro per entrare in contatto, pagare il taxi o il pranzo. Anche le aziende lo usano perché è la somma di Facebook, Whatapp e i sistemi di pagamento. Comodissimo, peccato che il banner per la privacy che compare all’inizio dica quasi chiaramente che vi stai rinunciando, alla privacy intendo.

Giusto? Non lo so, come ho detto: in una settimana non ho capito alcunché. Ma la domanda più importante: è questo il comunismo? In un parco trovi la statua di Marx sorridente come se fosse stato raggiunto il suo disegno, in realtà io ho visto tanto capitalismo. Tutti i Mall di Nanjing Road hanno marche quali Prada, Valentino, Chanel, … tutti i marchi high level che conosco.

È palese che ci sono persone più agiate e persone che lavorano 20 ore al giorno, chi si permette il lusso di comprare vestiti italiani e chi tira a campare… senza che questa crei estremo malcontento. O non ho capito nulla!?

È chiara una gestione decisionale della macchina pubblica: il livello di occupazione sembra altissimo, e qui dicono che la scuola di Shanghai è tra le migliori al mondo.

W l’Italia

Domenica 24 marzo si vota per eleggere il Presidente della Regione Basilicata, un mese fa s’era votato in Sardegna ed un mese prima in Abruzzo.

Siamo in perenne campagna elettorale, un po’ come il campionato di Calcio le cui giornate di serie A che iniziano il venerdì e terminano il lunedì, ma tanto dal martedì al giovedì ci sono le Coppe.

Siamo in perenne campagna elettorale, sembriamo un Paese al Bar a commentare le partite passate ed a pronosticare quelle future… la cosa che mi turba è che sia i commenti che i pronostici son fatti con i nostri soldi, ne farei a meno o almeno desidererei che si concentrassero sui fatti: la disoccupazione è un fatto, l’inquinamento dei nostri mari è un fatto, l’esistenza della mafia è un fatto, l’esistenza della Ndrangheta è un fatto, che queste siano ormai ramificate in tutta Italia altro fatto!

Ma i commenti sono sempre sull’arbitro e sul comportamento del pubblico sugli spalti.

Qualche giorno fa una giornalista ha incalzato il vicepresidente Di Maio sul perché le spese a Palazzo Chigi fossero aumentate anziché diminuire come promesso in campagna elettorale, e lui come un Boy Scouts preso con le mani nella marmellata ha candidamente risposto: “perché ci sono due vicepresidenti”; l’altro vicepresidente (Salvini per chi non lo ricordasse) scrive sui social quali sono i suoi problemi : “parlare di famiglia suscita polemiche. Io non voglio togliere nulla a nessuno. Ritengo solo che utero in affitto e donne bancomat per sfornare figli non rappresentano il Futuro che ho in mente io.”

W l’Italia

Il 2o16 è arrivato…

…da un bel po’. Come ogni anno la fine e il principio sono carichi di aspettative: il cambio del calendario sul muro o sulla scrivania ci porta a essere speranzosi… Ma è così?

Beh, i fatti dimostrano che ci illudevamo e ci hanno illuso, purtroppo non è una cifra nella data che cambia l’ordine delle cose, “il Paese è in ripresa” disse il Presidente del Consiglio durante il discorso di fine anno! Ma ci vuole altro che belle parole piene d’ottimismo per tornare ad una crescita organica del Sistema Paese. 

Ci vogliono soldi che facciano da volano per l’economia, ma chi li mette in circolo?

Ci vogliono spese oculate e non a pioggia? Chiaramente il clientelismo lo teniamo in vita dando 650€ al mese ai lavoratori socialmente utili, ai dipendenti delle cooperative, ai forestali… Ma non otteniamo alcun guadagno in prospettiva per il futuro dei nostri figli… Ci vuole innovazione, un’università più attenta ai bisogni degli studenti che ai baronati dei professori, ci vuole organizzazione negli enti pubblici e velocità di adempiere ad un dovere: aiutare il cittadino ad usufruire dei servizi e obbligarlo a pagare le tasse.

Caro Presidente Renzi dove sei? 

Mi vien voglia di scrivere sui muri delle periferie di Italia: da Lampedusa a Librino, dallo Zen a Scampia, … “Qui lo Stato è Assente”

La farsa dello Stepchild

Sono anni che l’Italia aspetta una legge sulle unioni civili, un segno di civiltà che manca da anni nel nostro ordinamento giudiziario. Ma ad un passo dal raggiungimento la politica litiga sullo Stepchild. Ma di che si parla?

Alcuni erroneamente dicono: adozioni di una bambina o un bambino da parte di coppie gay, ma non è corretto. Si parla di adozione da parte del partner del figlio naturale dell’altro partner.

Facciamo un paio di regressioni: le coppie gay esistono indipendentemente dalle leggi, due persone che si amano vivono già sotto lo stesso tetto anche senza questa legge. La legge riconoscerà queste coppie e permetterà al partner di essere riconosciuto come tale, semplice.

Seconda regressione: le coppie gay hanno già figli, parliamo di persone sessualmente attive e in Italia esistono già 100000 (centomila) bambine e bambine che hanno due mamme o due papà! 

Cosa aggiunge allora lo Stepchild se abbiamo già due mamme o due papà che domani saranno legalmente sposati? In realtà saranno legalmente uniti, non potremmo usare il termine sposati per non turbare la Chiesa. Allora cosa aggiunge la legge per questi 100000?

Semplice, e credo, dovuto: la possibilità che entrambi i genitori possano seguirlo in ospedale in caso di difficoltà, che entrambi lo possano accompagnare a scuola…

Cosa toglie la mancata approvazione dello Stepchild? Toglie dignità alla coppia unita, ma aggiunge un nuovo strato di ipocrisia al politico di turno che si dice a favore della coppia di Sposi come Dio li creo…

338 morti

Due anni fa morivano 368 persone nelle acque tra Lampedusa e la Libia, quel braccio di mare che separa donne e uomini dalla guerra, le torture, la fame lasciandole alle spalle…

Le migliori parole sull’accaduto le ha scritte Carmen Consoli:

La Notte Più Lunga

Verso l’alba avvistammo quella barca malandata 

tracimante di persone che agitavano le braccia  

un carico di tragica speranza 

di vite inscatolate senza alcuna etichetta  

Quella sera il nostro mare avrebbe riportato a riva 
anche il resto del composito equipaggio senza vita 

Chi governerà questa furia mediatica 

parole d’autore intrise di dolore, 

correte tutti è in onda il nuovo reality in mondo visione 

A cosa servirà l’ennesima visita 

di maghi e onorevoli, di sua maestà 

e piangitori in posa che si disperano per tre euro l’ora. 

E malgrado sapessero di commettere reato 

di comune accordo i pescatori tesero la mano 

in barba ad ogni amara conseguenza 

seguirono la voce della propria coscienza. 

Quella sera il nostro mare avrebbe riportato a riva 

mappe, foto di famiglia, stracci e una scarpetta bianca

Chi governerà questa furia mediatica 

parole d’autore intrise di dolore, 

non fatevi sfuggire questo nuovo show sensazionale 

A cosa servirà l’ennesima visita 

di cortesia e formale solidarietà 

Su venghino signori ad ammirare il circo degli orrori 

Chi governerà questa furia mediatica 

parole d’autore intrise di dolore 

Carnevale ha in serbo un nuovo carrozzone di promesse vane.

Si torna a spendere…

Sabato Renzi ci ha mostrato la via volando a New York con l’aereo di stato per andare a vedere la finale degli US OPEN. Beh, ha fatto bene ma poteva benississimo prendere un volo di linea in Business Class o in Magnifica. Invece, ha pensato di dettarci la via…

Ed è così che si ripresenta la candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024, era stato Monti tre anni e mezzo fa a dire che il paese aveva altre esigenze. 

Meno di due anni fa si tagliavano le auto blu ora ci affittiamo a 50 milioni l’anno un aereo tutto per Renzi. 

Qual’è la prossima spesa pazza? È già approvata alla Camera e fra un po’ al Senato: il finanziamento pubblico ai partiti…

Dentro la notizia 2/2

E mi viene il dubbio che la solidarietà tedesca sia dettata dall’interesse: e non penso solo al vile denaro ma anche all’aspetto demografico, attualmente la Germania è a natività zero.

Nelle mie considerazioni non può mancare la politica italiana, si discute della riforma costituzionale sul senato elettivo… È divertente ascoltare Berlusconi dire “andiamo nella direzione di una dittatura del PD”, lo stesso senato era nel patto del nazareno e ancor prima nella sua riforma costituzionale bocciata dagli italiani. Per non dire che “il governo non ha alcun potere in Italia, con il bicameralismo si impiegano in media 600 giorni per promulgare una legge” lo diceva Mister B non più di tre anni fa!

Ma sembra che non lo ricordi nessuno!

Chiudo provando a fare l’indovino: la prossima notizia di cui vedremo solo la “spuma”: la Sicilia ha tre mesi per spendere i soldi del piano 2011-2015 della comunità europea, se non li spende saranno persi. Una mega task force si metterà all’opera per non sprecare un centesimo di questo prezioso denaro… Ma nessuno ci dirà come verranno spesi questi soldi (nostri), solo che ne avremo speso il 90%…

…la mia sfera di cristallo dice che si spenderanno per stabilizzare i precari della regione, aumentando il buco di bilancio creato a Palermo e, finiti i soldi pagheremo noi tutti nei prossimi anni. Seppure la commissione europea chieda spese per infrastrutture e per la creazione di nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, la regione li userà per la stabilizzazione…

…in effetti rileggendomi non fa una piega, uno “stabilizzato” è a tempo indeterminato.

Crocetta hai ragione ed io ho torto a pensar male del tuo operato.

Primo giorno di “squola”

Buondi’
il parlamento si e’ insediato, e’ strano leggere come i giornali on line stanno trattando gli onorevoli del Movimento 5 Stelle: una serie di marziani in parlamento, raccontano anche gli anedotti del pranzo alla bouvette quando tutti gli altri onorevoli vanno a mangiare al ristorante.

Faccio un passo indietro alla vignetta di lunedi’, per chi volesse conoscere meglio l’associazione del video puo’ andare al sito:

www.associazionecarminegallo.na.it/

per chi volesse aiutarli trova tutte le informazioni per donazioni o anche solo (siamo quasi in periodo) donar loro 8 per mille. Oppure semplicemente riproporre il video (http://youtu.be/2xdXItotSvI) sulle vostre Bacheche dei Social Network. Ringrazio chi gia’ l’ha fatto.

Sempre a proposito di Solidarieta’, nella vignetta e’ mostrato un bar di Milano che ha copiato una usanza napoletana del “Caffe’ Sospeso”, in pratica chi ordina il “Caffe’ Sospeso” lo paga doppio, uno lo prende al bancone e l’altro lo segna per chi, particolarmente in questo momento di difficolta’, non se lo puo’ permettere.

Teniamolo a mente, soprattutto lo dico a chi ironizza gli atteggiamenti visti oggi in parlamento: si sono viste caraffe di acqua del rubinetto servite dagli inservienti della Camera ai grillini al posto delle bottiglie d’acqua minerale. Un gesto simbolico sicuramente ma ogni goccia in questo mare di sprechi diventa importante. Ovviamente e’ necessario continuare e non fermarsi a questo.

Chiuso il loop vi auguro un buon week end
Adriano