Vi piace il vostro TV?

Non affezionatevi troppo al vostro TV perché c’è il rischio (alto) di doverlo cambiare a breve ma non fatelo entro il 2016!

Eh sì, la Comunità Europea ha deciso di dedicare parte della banda a 700MHz al 5G, la telefonia di prossima generazione, e per farlo dobbiamo spostare altrove alcune emittenti TV, tra le quali Rai e Mediaset. E dunque…

…o si spengono un po di canali oppure si compattano nel minor spazio rimanente. Nel primo caso lo Stato dovrà pagare le penali a chi ha comprato le licenze e non se le vede garantite; nel secondo caso serve una nuova codifica: la DVBT-2!

Quando avverrà? Prima si parlava di 2022, ora di 2020 ma le compagnie telefoniche spingono per il 2018 per “drogare” il mercato che già oggi non accetta il 4G.

La codifica è sia trasmissiva che ricettiva: si devono adeguare le emittenti ma anche i TV, ma attenzione non esistono ancora nessun costruttore che vende TV con tali decoder e lo saranno solo da Giugno 2017!

Ora stasera controllate la temperatura del vostro TV, verificate che sia in salute e curatelo con cura… Adda passa a nuttata!

Iran e il suo nucleare

L’altro giorno guardavo Il Grande Talk, programma televisivo sulla TV, dove la giornalista del La7 Rula Jebreal criticava l’italiano medio per la scarsa attenzione alla politica estera, al poco spazio che se ne da nei Tg e nei giornali, anche se non si fa che parlare di globalizzazione. Sentitomi italiano medio, ho provato a leggere le pagine di politica estera del Corriere e prestare maggiore attenzione alla politica internazionale in TV. Ecco che l’argomento comune è uno solo: la preoccupata situazione iraniana e il pericolo nucleare. Ma, il ricordo recente dell’Iraq e le armi di distruzioni di massa mi porta ad aver dubbi: allora si era sicuri degli armamenti di Saddam Hussein, e ora? Si parla di centrifughe per arricchire l’uranio, di usi civili e bellici dell’uranio e delle centrali, ma qual’è la verità?

Come sempre in questi casi, le notizie che si leggono sui giornali o si ascoltano in tv sono varie ma con un punto in comune: 1400 centrifughe presenti o in costruzione. Ecco un punto di partenza, cosa si può fare con 1400 centrifughe? Beh, si riescono ad arricchire in un anno 25 kg di uranio con le quali alimentare due testate nucleari. Bingo! Se Ahmadinejad sta costruendo le centrifughe vuol dire che ha intenzione di avere l’arma atomica, due testate sono un deterrente (e quindi una difesa) ed una minaccia! Non dimentichiamoci Hiroshima, le migliaia di morti e la fine della seconda guerra mondiale.

Eh sì, proprio mentre mi stavo convincendo che è giusto fermare l’Iran e la sua corsa verso il nucleare mi torna in mente una notizia: anche l’Iraq si diceva aver acquistato uranio dal Niger, ma era una balla dei nostri servizi segreti! Ahmadinejad afferma e non smentisce la costruzione delle centrifughe ma, dice di volerle usare per usi civili. Si dice essere fanatico, ma che speranze avrebbe di usare l’arma atomica e passarla liscia? Internet dice che i maggiori obiettivi dell’Iran, il Pakistan e Israele hanno 60 e 100 testate nucleari, rispettivamente. Min..a, le due testate diventano quisquiglie ora! Per averne 60 devo aspettare 30 anni o, se raddoppiano le centrifughe quindici o dieci. E allora perchè questa fretta nel minacciare Iran e non affidarsi ad una stressante diplomazia, embarghi e sanzioni? Perchè il New Yorker dice che l’attacco avverrà entro novembre?